Ancona – Tutto sulla Fiera di San Ciriaco

Programma, luoghi e date, manifestazioni, intrattenimento, eventi collaterali

Ancona – La Fiera di San Ciriaco si svolgerà da martedì 1 maggio a venerdì 4 maggio, dalle ore 09.00 alle 24.00. In Piazza Pertini, l’inizio delle attività viene anticipato. Questi gli orari della Piazza:

lunedì 30 aprile: dalle ore 18.00 al ore 24.00

da martedì 1 maggio a venerdì 4 maggio, dalle ore 12.00 alle 24.00.

L’edizione 2018 prevede grandi novità. Prima di tutto gli spazi. Per motivi di sicurezza, la Fiera si sposta dal Viale. Si svilupperà dalla parte bassa di Piazza Cavour sino al lungomare, occupando: Piazza Cavour lato portici, Corso Garibaldi, Corso Stamira, Piazza Pertini, Piazza Stamira, le traverse: Via Castelfidardo, Via Marsala, Via Leopardi, Piazza Repubblica (in parte), Piazza Kennedy e Via XXIX Settembre, fermandosi alla rotonda della Galleria San Martino.

Piazza Cavour sarà libera e comodamente percorribile. Sarà per quattro giorni un punto di aggregazione e di ritrovo, per diventare il 4 maggio luogo delle iniziative istituzionali e d’intrattenimento promosse anche dal Comune di Ancona, in onore di San Ciriaco, Patrono della Città.

La disposizione dei banchi ed i settori specializzati vengono riposizionati per adeguarsi ai nuovi spazi. Ritorna anche La Festa del Cibo in Piazza, in Piazza Pertini, l’evento dedicato alla gastronomia tipica ed agli spettacoli che anticipa la Fiera, iniziando già dalle ore 18.00 di lunedì 30 aprile. Confermato il servizio gratuito di bus navetta, viene invece ripensata l’organizzazione del traffico, per le nuove occupazioni della Fiera ma soprattutto per il Piano della Sicurezza, per la prima volta studiato e realizzato per questo grande evento.

È proprio per garantire la massima sicurezza della Fiera e dei partecipanti che il Comune ha deciso  di spostare la Fiera dal Viale. Il Piano prevede: la chiusura di tutti i varchi con strutture fisse o automezzi mobili, la presenza di steward e personale della sicurezza, rinforzato nelle ore di punta, tre ambulanze, due presidi antincendio, nuclei di controllo della Polizia municipale.

I COMMERCI

435 espositori, (461 nel 2017) divisi per zone merceologiche. Il settore predominante è quello degli ambulanti; sono 335 (345 nel 2017), distribuiti soprattutto in Corso Garibaldi, Corso Stamira e Via XXIX Settembre. Le bancarelle saranno anche nelle traverse di Corso Garibaldi (Castelfidardo, Marsala e Leopardi), Piazza Kennedy ed in parte di Piazza della Repubblica.

Tra questi sono compresi 21 banchi di gastronomia. Il settore specializzato a invito Sapori Tipici, sarà spostato in Piazza Stamira, un po’ ridimensionato per problemi di spazio, con 22 espositori (30 nel 2017). Oltre ad un significativo gruppo di espositori marchigiani, che promuovono i prodotti del territorio, sono rappresentate altre regioni: Alto Adige, Veneto, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna.

La Fiera è anche una grande occasione per promuovere le attività economiche del territorio e non solo. La Campionaria viene riproposta, in forma ridotta, nel 2° tratto di Corso Garibaldi, tra Via Castelfidardo e Piazza Roma: ospita 22 stand promozionali (come nel 2017) che rappresentano in modo significativo il mondo delle aziende, soprattutto nell’attuale situazione di crisi. Espongono articoli, attrezzature, e servizi per la persona, la famiglia ed il tempo libero, ma anche per il lavoro e le imprese.

Nel Mercatino degli Artigiani gli espositori sono 40 (50 nel 2017), tutti in Corso Garibaldi, da Piazza Roma verso Piazza della Repubblica.

Completano il panorama degli espositori i 16 Punti Ristoro (13 nel 2017) che animeranno Piazza Pertini, per l’iniziativa La Festa del Cibo in Piazza.

EVENTI COLLATERALI

Diverse iniziative di solidarietà sono organizzate e promosse, come sempre, da Onlus ed Associazioni del Volontariato. In Piazza Roma, ritorna lo stand promozionale dell’Esercito Italiano.

I giorni di Fiera sono allietati dalla presenza di buskers ed artisti di strada che, con tecniche e musiche moderne, mantengono viva l’antica tradizione delle fiere di una volta.

Anche quest’anno il Comune “scende in Piazza”. L’appuntamento è per venerdì 4 maggio, giorno di San Ciriaco, Patrono della Città. La location scelta per l’evento è Piazza Cavour, dove sarà allestito il palco su cui si succederanno due diverse iniziative. Alle ore 12.00 è in programma la Cerimonia di Consegna delle Benemerenze Civiche, i famosi “Ciriachini d’Oro”, alla presenza delle Autorità.

Sempre in Piazza Cavour, alle 19.00, com’è tradizione, ci si ritrova tutti insieme a tentare la fortuna con la Tradizionale Tombola di San Ciriaco, organizzata dalla Croce Gialla. L’estrazione è prevista alle ore 19.00. Le cartelle saranno in vendita, già prima della Fiera, presso la sede dell’Associazione e, in Fiera, nei punti di maggior passaggio. Invariati, rispetto al 2016, il costo delle cartelle, € 2,50, ed il primo premio di € 1.500,00. I Fondi raccolti con la Lotteria serviranno per sostenere l’attività della Croce Gialla, un’istituzione benefica che opera in Ancona dal lontano 1900 e che oggi, in tempo di crisi, ha bisogno dell’aiuto dei concittadini per continuare a svolgere il suo servizio. 

LA FESTA DEL CIBO IN PIAZZA

L’intrattenimento

Tra le iniziative collaterali alla Fiera,  una delle più gradite, dal 2011, è La Festa del Cibo in Piazza, un goloso e divertente connubio tra buona cucina tipica ed intrattenimento.

Gli intrattenimenti della Piazza sono organizzati dalla Fiera; anche quest’anno non sarà allestito un palco; le proposte artistiche appartengono al magico mondo della musica di strada, a stretto contatto con il pubblico e all’interno del circuito dei punti ristoro. Il programma degli intrattenimenti è  adatto a tutti i gusti, anche se ovviamente, prevale la musica, ritmata e divertente ma non invasiva.

S’inizia lunedì 30 aprile, dalle 20 con il trio Flamin Gene and his Tonics, uno scatenato trio di rock’a’billy e rocksteady, con influenze giamaicane e blues. Martedì 1° maggio la piazza è lasciata al libero intervento di artisti di strada. Si continua mercoledì 2 maggio, sempre dalle 20, con Ring of Swing:  un trio composto da due donne ed un bassista che racconta storie di Swing, Soul e Folk, con ritmo, passione e poesia.  Giovedì 3 maggio, si esibiscono The Silver Combo, un trio di rock’n roll e  rock’a’billy, con la partecipazione del grande Andy dei Mutoid. Si conclude Venerdì 4 maggio: dalle 18.00 alle 22.30 con un DJ Set. Alla consolle il DJ Elio del mitico Velvet con un vasto repertorio di Greatest Rock. Naturalmente l’ingresso è gratuito ed il divertimento assicurato.

FESTA DEL CIBO IN PIAZZA

I Menu dei Punti Ristoro

Sedici stand gastronomici, di diverse provenienze, italiane e straniere, disposti a corona intorno a Piazza Pertini, danno vita alla 7a Festa del Cibo in Piazza, l’iniziativa che inaugura la Fiera di San Ciriaco 2018. I punti ristoro, infatti, prendono il via dalle ore 18.00 di lunedì 30 aprile e saranno aperti dal 1° al 4 maggio dalle ore 12.00 alle 24.00.

Nella scelta degli operatori, gli organizzatori, in accordo con il Comune, hanno privilegiato generi diversi da quelli già presenti in Fiera, la tipicità delle proposte, la varietà dei piatti e delle provenienze, e la professionalità degli operatori.

Questo è “il menu” proposto in ordine alfabetico:

  1. Abruzzo in Piazza. Arrosticini del Parco Nazionale – Ventricina – Montepulciano d’Abruzzo.
  2. Antica Hostaria. Torta al testo umbra – Porcini fritti – Hamburger di cavallo.
  3. American Street Food. Hamburger di manzo – Chiken burger – Chips.
  4. Birra di Classe. Birra artigianale – Estratti di frutta e verdura
  5. Bus “The Street”. Panini, fritti, birra.
  6. Chiosco Belga. Le dolci gauffres.
  7. Frittoria Veneta. Fritti misti – Birra alla spina.
  8. Il Gobbo. Birrificio artigianale.
  9. Ipiad. Tagliatelle ai ragù ed altre specialità romagnole.
  10. La Brace Mobile. Bombette pugliesi ed altre specialità del Salento.
  11. La Focaccia Umbra. Crescia umbra con salsiccia e salumi tipici.
  12. Los Gauchitos. Asado argentino e specialità latino americane.
  13. Manicarretto. Polpetteria.
  14. Osteria del Marinaio. Frittura al cartoccio – Spiedini misti – Grigliata di mare.
  15. Osteria Toscana. Grigliate alla toscana – Tagliata di fiorentina – Rosticciana di costine di maiale.
  16. Vino al Vino. Vini abbinati a piatti di terra e di mare.

UN DOPO FIERA PER IL PATRONO

Sopiti i clamori della Fiera, il Museo Diocesano di Ancona “Monsignor Recanatini”  propone due iniziative dedicate al Patrono. La prima è una serie di visite guidate al Duomo intitolate: “Un percorso alla scoperta di San Ciriaco e delle Sue rappresentazioni”. Si svolgeranno per due week end: il 5, 6, 12 e13 maggio, con inizio alle ore 10.15/11.15/16.15/17.15 e 18.15;  la seconda iniziativa è rivolta ai bambini. Si tratta di un laboratorio didattico in programma domenica 6 maggio, alla 16.30. Costo di € 3 a bambino, sopra i 5 anni, con prenotazione obbligatoria al 320 8773610.

TRAFFICO – TRASPORTI PUBBLICI – PARCHEGGI

In particolare si segnalano:

–  il divieto di sosta in tutte le vie della Fiera, dalle ore 20.00 lunedì 30 aprile fino alle 06.00 di sabato

5 maggio;

–  il divieto di transito in tutte le vie della Fiera, dalle ore 20.00 lunedì 30 aprile fino alle 6.00 di

sabato 5 maggio;

–  in Corso Stamira, il passaggio tra Via Cialdini e Via Podesti sarà lasciato libero e percorribile, per

una carreggiata, tramite uno sbarramento protettivo;

–  in Piazza della Repubblica, sarà lasciata libera metà piazza e percorribile per chi viene da Via

Gramsci e da Via della Loggia.

I Bus Navetta

Per le modifiche della viabilità dei mezzi pubblici e privati causate dalla dislocazione della Fiera, si rende necessario rinforzare il servizio pubblico con varie linee di bus navetta.

Come negli anni passati sarà attivata la navetta che collega il parcheggio dello Stadio del Conero con il Centro. Questo servizio funziona dal 1° al 4 maggio, dalle ore 14.42 alle ore 22, con una corsa ogni 10 minuti. Le partenze dal Parcheggio iniziano alle ore 14.42 per terminare alle ore 21.12.

Le partenze da Via Vecchini iniziano alle ore 15.00 e continuano, con una corsa ogni 10 minuti sino alle 21.30, con due corse aggiuntive alle 21.45 e 22.00.

Ogni giorno sono previste 83 corse giornaliere. Il tempo di percorrenza è di circa 17 minuti. Questo servizio, gratuito al pubblico, è organizzato da Conerobus e finanziato dalla Fiera.

La novità di quest’anno, organizzata dal Comune con Conerobus, è l’istituzione di una navetta, dalla Stazione FFSS e la rotonda prima della Galleria San Martino. Farà sosta anche al Parcheggio degli Archi. Altre linee collegheranno i parcheggi scambiatori alla Galleria San Martino.

I Parcheggi. Per chi proprio deve arrivare in centro con l’auto segnaliamo la situazione dei parcheggi che resteranno aperti con orari prolungati:

– Parcheggio Stamira, in Piazza Pertini

– Parcheggio degli Archi;

– Parcheggi Cialdini e Umberto 1°

Resterà chiuso, invece, il Parcheggio Traiano.

A tutti, residenti e visitatori, si consiglia vivamente di non usare gli automezzi privati per arrivare in Centro, se non in casi di forte necessità. Molto meglio sfruttare il trasporto pubblico o lasciare i mezzi nei Parcheggi, per godersi le bellezze della città e della stagione, facendo quattro passi a piedi. In particolare si consiglia di evitare l’incrocio tra Viale della Vittoria e Via Giannelli; in questo punto, infatti, per gli attraversamenti pedonali dei visitatori della Fiera, potranno verificarsi code di auto ed intasamenti.

L’ORGANIZZAZIONE

La Fiera di San Ciriaco 2018 è la 19a edizione organizzata da Blu Nautilus, la società riminese che la gestisce dal 2000, tramite cinque Bandi successivi. L’ultima Gara, da poco conclusa, prevede la concessione dell’organizzazione delle Fiere su Area Pubblica, per i prossimi anni. La Fiera è progettata e realizzata grazie alla supervisione e la collaborazione dell’assessorato alle Attività Economiche, del Settore Traffico, della  Polizia municipale e del Settore Manutenzione del Comune di Ancona. L’evento del 4 maggio è a cura dell’ufficio del sindaco.

Dal 1° al 4 maggio, l’Ufficio Fiera, situato in Piazza Pertini, sarà aperto dalle ore 07.00 alle 20.00. Telefono 320 254 9997. I rapporti con la stampa saranno tenuti direttamente dall’Ufficio Stampa del Comune.

Per informazioni: www.blunautilus.itwww.comune.ancona.it

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi