nota bene: ad acquisto effettuato verrà inviato l’e-book via email.


Saggistica

“Covid-19 Il virus che ci ha insegnato ad abbracciarci con gli occhi” (PDF)

di Paolo Fileni – E-book – saggio
CdC Editore
agosto 2020

ISBN: 978-88-943938-8-0

€ 4,90

“Covid-19 Il virus che ci ha insegnato ad abbracciarci con gli occhi” di Paolo Fileni è il diario del viaggio quasi quotidiano e surreale che ha coinvolto da febbraio 2020 tutti gli italiani. La testimonianza puntuale dell’arrivo e dell’evoluzione della pandemia lungo la penisola, con una narrazione di riguardo per le Marche e i marchigiani. Oltre a numeri e cifre, però, questo E-book raccoglie anche sensazioni, emozioni, limitazioni, dolore e sofferenza di tanta gente coinvolta dalla micidiale virulenza di questo coronavirus. Una lettura che diventa ‘memento’ per non dimenticare e per provare tutti ad essere più saggi, disponibili e rispettosi verso la nostra esistenza e quella del prossimo che ci scivola accanto ogni giorno.






Saggistica

Da Piazza Rossa a Piazza Tien’anmen
di Marco Venatori – E-book – saggio

CdC Editore
luglio 2020

ISBN: 978-88-943938-0-4

€ 3,90

“Da Piazza Rossa a Piazza Tien’anmen dell’anconetano Marco Venatori, è il viaggio della vita: il coronamento di un sogno inseguito per vent’anni. La Transiberiana, migliaia di chilometri percorsi in treno attraverso tundre e steppe, Capitali, villaggi e compagni di viaggio descritti nella loro disarmante realtà così diversa da quella europea. Giorni interi passati all’interno di un convoglio ferroviario che corre lungo rotaie infinite da Mosca alla Siberia, alla Mongolia, alla Cina. Un viaggio in solitaria quasi da incosciente, vissuto e descritto da chi scrittore non lo è mai stato. Ma il senso del viaggio è proprio qui, è tanto, è tutto. Da Ancona a Pechino e ritorno alla ricerca di una connessione interiore con genti che vivono “dall’altra parte del mondo”. Un viaggio per vedere, conoscere, approfondire, capire. Per tornare a casa più ricco nell’animo e consapevole che in fondo, se lo sai cogliere nelle sue mille sfumature, il mondo è tutto racchiuso dentro di te. Un percorso intimo che bisogna avere il coraggio di affrontare.”






Narrativa

“Il destino dei tonni” (PDF)

di Paolo Fileni (autore)
CdC Editore (ristampa)
novembre 2018

ISBN 978-88-943938-1-1

€ 5,00

SICILIA, 1957. A Fusìne, antico villaggio di pescatori che sorge a un tiro di schioppo da Porticello (Palermo), la comparsa nel cielo della costellazione delle Pleiadi annuncia l’inizio della stagione di pesca al tonno. Glauco Sopello, il rais della tonnara, raduna in piazzetta la moltitudine di persone alla ricerca di un ingaggio per quel lavoro stagionale. Salvo Giardì, figlio minore di don Nanni, padrone della tonnara e dei destini di tutta quella gente, scorge tra la folla il viso giovane e bello di Maria Bonvento. E da quel momento, la vita e i destini degli abitanti del borgo cambieranno radicalmente. Uno spaccato lucido e dettagliato di una Sicilia che non c’è più. Una storia d’amore contrastato che si mischia alla mattanza di pesci e uomini, sotto la folle regia di un burattinaio convinto d’essere il padrone assoluto dei destini degli uni e degli altri.





Saggistica

“Meditazioni angeliche” (PDF)

di Rosetta Rinaldi (autore)
CdC Editore
novembre 2018

ISBN 078-88-943938-4-2

€ 2,50

Questo libro è nato da varie canalizzazioni avute dai maestri angelici, con vari messaggi per portare benessere fisico e mentale all’individuo.
Si trattano i chakra (centri energetici) situati nel corpo, con meditazioni per ogni singolo centro agendo nella nostra parte più profonda, nelle emozioni e nelle paure che bloccano il processo naturale di evoluzione.





Narrativa

“Nuvola d’Africa” (PDF)

di Donato Andreucci
CdC Editore
dicembre 2018

ISBN: 978-88-943938-7-3

€ 2,50

Un libro di favole per ragazzi, di piacevole lettura anche per chi ragazzo non è più.
Un libro di favole dove oggetti ed animali diventano protagonisti di avventure insolite e mirabolanti. Tutte con il classico: C’era una volta…
C’è la Nuvola esiliata in Africa, amica dei personaggi di un povero villaggio ai quali farà un grande dono; c’è una casa diroccata che diventa eroica; una banda di topolini in cerca di una tana; un’anziana Madame che sa stare al mondo; uno smartphone che rivoluziona le giornate di un uomo solo; un paio di occhiali che portano a termine una missione impossibile; un cane di stoffa che fa brutti sogni e un albero spettinato capace di un gesto solo in apparenza incredibile.
Perché questo libro racconta storie che solo all’apparenza potrebbero sembrare inverosimili, con il fascino di farci ancora credere che la vita possa essere una favola.






Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Mascherine usa e getta: nuovo rifiuto 2.2

Una stima parla di quasi due miliardi che finiranno quest’anno negli oceani del mondo


Camerano, 5 aprile 2021 – L’allarme arriva dal Regno Unito, dove una recente analisi condotta dalla North London Waste Authority ha evidenziato come ogni settimana in quel Paese vengano usate e gettate via 102 milioni di mascherine usa e getta. Per rendere l’idea, ricoprirebbero un campo di calcio per ben 232 volte, come scrive la giornalista Francesca Mancuso su greenMe.

Purtroppo è vero: le mascherine usa e getta, quelle che ci proteggono dal virus, sono diventate il rifiuto più importante nell’arco dell’ultimo anno e mezzo. Un rifiuto, per intenderci, che ha superato di gran lunga quello delle bottiglie e dei sacchetti di plastica di cui stiamo per liberarci. Un rifiuto, insieme ai guanti in lattice, che la gente abbandona ovunque: per strada, nelle piazze, nei giardini pubblici, nei campi, lungo i sentieri di montagna, in spiaggia, in alto mare.

Un rifiuto che nessuno smaltisce per paura di un eventuale contagio o, più semplicemente, per menefreghismo. Una negligenza imperdonabile che, a livello trasversale, va imputata sia alla maleducazione delle persone sia all’indifferenza degli enti e delle imprese che dovrebbero smaltirle. Tanto che lo studio britannico, nell’invitare ad affrontare il problema che ormai è mondiale, suggerisce di rivederne la produzione invitando ad utilizzare prodotti biodegradabili.

Un problema serio, dunque, che riguarda tutti e che va risolto al più presto. Ho provato, nel mio piccolo, a testare quanto serio possa essere davvero. L’ho fatto, semplicemente, fotografando le mascherine abbandonate lungo il percorso che faccio abitualmente a Camerano, dove vivo, portando a spasso il mio cane. Un percorso di circa un chilometro e mezzo lungo un tratto di Via Loretana, l’area cani nei giardinetti di Via Scandalli, il parco degli orti. Risultato: ne ho incrociate una trentina. In foto la testimonianza di parte di esse.

Considerato che in Italia i Comuni sono oltre settemila, non è così empirico dire che in totale, in un solo chilometro e mezzo di essi, si siano accumulate come rifiuto oltre 237mila mascherine. Se si moltiplica il dato per tutti i possibili chilometri e mezzo percorribili in ogni Comune, si arriverà ad una cifra stratosferica di mascherine abbandonate sul territorio nazionale. Stimiamo, al ribasso, non meno di una decina di milioni? Sono convinto siano di più.

Una stima dello studio britannico parla di quasi due miliardi di mascherine che quest’anno finiranno negli oceani del mondo. Che facciamo, le lasciamo lì? Educare ad un sano e corretto smaltimento due miliardi di cretini, lo vedo poco percorribile. Chiamare a raccolta Greta Thunberg e i suoi seguaci ambientalisti, altrettanto. Finirà come con la plastica: spenderemo miliardi di euro per sbarazzarcene, e tutto grazie alla stupidità e alla maleducazione di tante persone. Le stesse che ogni giorno si lamentano dell’immane spesa pubblica destinata all’ambiente.

© riproduzione riservata


link dell'articolo