Processo in Piazza Nuova per ‘Obsolescente’

Insolita presentazione lunedì 29 luglio dell’ultima fatica letteraria del numanese Giancarlo Trapanese

Numana, 28 luglio 2019 – Nell’ambito della rassegna Un libro che passione, lunedì 29 luglio alle 21,30 in Piazza Nuova (in caso di maltempo in Biblioteca) si terrà una davvero insolita presentazione. È la volta di Obsolescente (Italic Pequod) di Giancarlo Trapanese, giornalista, scrittore, caporedattore sede Rai di Perugia, che gioca in casa essendo residente proprio a Numana.

Giancarlo Trapanese

Proprio per questo Trapanese ha scelto Numana per un singolare esperimento: non sarà una presentazione tradizionale con relazioni e domande, ma un vero e proprio processo all’americana al personaggio principale del libro, l’informatico ing. Riccardo Inna, numero uno al mondo di obsolescenza programmata.

Davanti al Giudice (Andrea Carloni) ed alla giuria popolare scelta fra i presenti, Inna sarà processato per quattro capi di accusa che sono i temi centrali del libro. L’avvocato dell’accusa sarà Gianni Marasca, il difensore, come ovvio, lo stesso autore mentre Inna alla sbarra sarà interpretato dal bravissimo attore recanatese Roberto Tanoni.

Ma ci saranno anche importanti testimoni tra i quali, probabilmente, l’avvocato Gerardo Villanacci, l’imprenditrice Elena Viezzoli, la scrittrice Maria Luisa Scassellati Sforzolini, l’economista e scrittore Pietro Rinaldo Fanesi , la consulente grafologica Alessandra Lumachelli che,alla sbarra, daranno la loro testimonianza, il loro punto di vista sui temi affrontati dal processo. Collaboreranno alla serata due grandi nomi: Luca Lattanzio e Antonio Del Sordo per 90 minuti di insolita suspence che si concluderanno ovviamente con una sentenza liberamente emessa dalla giuria popolare.

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Coronavirus – 152 contagiati, 3 i morti

L’aggiornamento di Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile


23 febbraio 2020 – “Ad oggi abbiamo 149 persone positive al Coronavirus, tre le vittime”. Così l’ultimo aggiornamento odierno di Angelo Borrelli (foto), capo della Protezione Civile. Nel dettaglio, 110 in Lombardia, 21 in Veneto (2 a Venezia), 6 in Piemonte, 9 in Emilia Romagna, 2 nel Lazio. “Tra i contagiati – ha aggiunto Borrelli – 55 sono ricoverati, 25 in terapia intensiva e 19 in isolamento a casa. Il livello di prevenzione è altissimo. Tutti i possibili casi sono stati verificati in laboratorio, eseguiti oltre tremila tamponi”.

Il paziente zero non è stato ancora individuato. “È difficile prevedere la diffusione – ha concluso Borrelli – Siamo pronti a usare caserme e hotel per eventuali quarantene”.

Intanto, il Ministero dell’Istruzione informa che per motivi precauzionali vengono sospese le uscite didattiche e i viaggi di istruzione delle scuole, in Italia e all’Estero. Sospensione in vigore a partire da oggi, domenica 23 febbraio.

Tra le misure di contrasto al diffondersi del virus, in Friuli Venezia Giulia si è deciso di sospendere tutte le attività didattiche, esami, conferenze negli atenei fino al 1° marzo. Così come in Veneto. Analoga decisone è stata presa in Emilia Romagna fino al prossimo sabato. Chiuse anche scuole, nidi, impianti sportivi e musei. Misure riprese anche in Piemonte dove si è deciso di fermare per una settimana gli atenei e le scuole della regione.

In Lombardia, tutto sospeso fino al 29 febbraio: attività didattiche delle Università, stop anche alle scuole, asili nido, musei, manifestazioni sportive, ludiche, ogni evento culturale. Sospese anche tutte le messe e chiusi gli oratori. Il Teatro alla Scala ha sospeso tutte le rappresentazioni. Chiuso anche il Duomo di Milano e la Pinacoteca. A Genova, chiusa l’Università per una settimana. A Roma, il Campus Bio Medico ha rinviato il test di ammissione a Medicina previsto per martedì 25 febbraio.

A Venezia, il Governatore Zaia e il ministro Speranza hanno firmato un’ordinanza con la quale vengono bloccate tutte le manifestazioni pubbliche, compreso il Carnevale di Venezia a partire dalle 24 di oggi. Nelle Marche, come comunicato oggi dal Governatore Ceriscioli, non si registra nessun caso di contagio. Ciò non fa certo abbassare la guardia al Gores, il centro diagnostico regionale di riferimento, che continua ad operare e ad organizzarsi per trovarsi pronto ad ogni eventuale allerta.


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi