“La leggenda di Bob Wind” arriva anche a Numana

Domenica sera cineforum targato Clorofilla in compagnia del produttore Fabrizio Saracinelli e dell'attrice Veronica Baleani.

Numana. L’associazione Clorofilla ha organizzato per domani, domenica 27 novembre alle 21, al cinema Italia di Numana la proiezione del film La leggenda di Bob Wind, al termine del quale si aprirà un dibattito con il produttore Fabrizio Saracinelli e l’attrice Veronica Baleani per raccontare tutti i retroscena e i luoghi dove è stata girata la storia.

L'attore Corrado Fortuna interpreta l'anconetano Roberto Cimetta in "La leggenda di Bob Wind
L’attore Corrado Fortuna interpreta l’anconetano Roberto Cimetta in “La leggenda di Bob Wind” il film in proiezione domenica 27 novembre al cinema Italia di Numana

La pellicola narra dell’artista marchigiano Roberto Cimetta, genio teatrale di avanguardia e sperimentazione morto nel 1988 a soli 39 anni dopo aver ispirato una generazione di artisti.

Originario di Udine ma anconetano di adozione, Cimetta ha collaborato con Luca Ronconi, Roberto Benigni e Lucia Poli.

Nel 1974 fondò ad Ancona la compagnia sperimentale Il Guasco coinvolgendo l’intera comunità e in seguito il Teatro popolare ad Offagna. A Polverigi nel 1977 è stato il fondatore, assieme a Velia Papa, del festival Inteatro che ogni anno ospita artisti provenienti da ogni parte del mondo.

Nel 1987 crea il Festival internazionale di Lisbona, diretto per due anni e poi gli viene assegnata la direzione del Festival di Oslo dedicato al nuovo teatro italiano.

Dopo la sua morte a Parigi nacque il Fondo internazionale Roberto Cimetta per la mobilità degli artisti nel Mediterraneo.

Medaglia d’argento alla memoria conferita dalla città di Ancona, a Cimetta venne dedicata una via della città dorica a Passo Varano.

Il film narra l’inchiesta di Anna, giornalista italo-francese di successo interpretata da Lavinia Longhi, che, per far luce sul suo passato, decide di mettersi sulle tracce della vita di Roberto Cimetta, interpretato da Corrado Fortuna.

Il regista del film, Dario Migianu Baldi
Il regista del film, Dario Migianu Baldi

Il regista Dario Migianu Baldi offre al pubblico le vicende, private e artistiche, di un regista eccentrico le cui idee non trovarono spazio nella società rigida e bigotta del tempo.

Troppo spesso l’artista viene solo accostato al cliché del genio e sregolatezza e la protagonista Anna si interroga sul fatto che si possa essere contemporaneamente artista e uomo di famiglia, in grado di lasciare molto più di uno stereotipo.

«Non ho mai pensato nemmeno per un attimo di glorificare Roberto Cimetta. – ha dichiarato il regista Dario Migianu Baldi – In realtà ho sempre sentito che la sua azione più grande fu quella (ed è ancora oggi), di creare comunità, di essere inconsapevolmente un mezzo di comunicazione per gruppi di persone che veramente con lui hanno condiviso qualcosa, con segno forte, positivo, coraggioso.

Il coraggio di osare, di uscire dagli schemi, di creare davvero, in molte forme. Una creazione che a volte porta dolore, nell’ambito personale, ma anche uno sguardo diverso della vita, per chi gli è stato accanto.

Il film non giudica, si propone solo di raccontare una storia umana, lasciando allo spettatore ogni possibile valutazione esteriore ed interiore».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Meglio i moscioli dell’aria di Portonovo

Quando il marketing spinge al superfluo


Portonovo (AN), 3 dicembre 2019 – Questa volta lo spunto di riflessione arriva da Il Resto del Carlino di oggi che, sulla pagina di Ancona, pubblica un articolo dal titolo bizzarro a firma Ilaria Traditi: “Portonovo, ora è in vendita anche l’aria”.

In sostanza, alcuni anni fa Paolo Bonetti (nella foto di Bobo Antic, per gentile concessione de Il Resto del Carlino), imprenditore della Baia con il bernoccolo del marketing, s’è inventato l’idea di mettere in lattina l’aria salubre di Portonovo, per offrirla poi ai turisti al costo di 3 euro. Un’idea che, visto il successo di vendite, sembrerebbe vincente e lucrosa dal momento che il barattolo di latta pieno di niente da souvenir estivo è diventato anche fortunata strenna natalizia.

Come spiega Ilaria Traditi, il business è ben consolidato: “dall’aria delle Dolomiti venduta in bottigliette da 5 euro, a quella delle Montagne Rocciose che spopola tra i cinesi venduta dalla società canadese Vitality Air fino a quella delle incontaminate campagne inglesi che va forte in Corea”. E, aggiungo io, l’acqua isotonica benefica e tonificante per gli occhi del mare delle Cinque Terre in Liguria venduta in bottigliette.

Ora, tenuto conto che nel marketing ogni idea finalizzata a promuovere un territorio può essere geniale quando funziona – e quella di Paolo Bonetti lo è – mi domando perché la gente sia disposta a spendere denaro – anche 10 euro – per acquistare il nulla. Perché l’aria di Portonovo, delle Dolomiti o delle Montagne Rocciose è francamente il nulla. Quando vai in quei posti, puoi mettertela da solo all’interno di un barattolo e, se il barattolo già ce l’hai, lo puoi fare a costo zero!

La società dei consumi di cui facciamo parte tutti, e le leggi di questo sistema che regolano la promozione degli articoli e dei prodotti immessi sul mercato – che in un modo o nell’atro devono comunque essere venduti – hanno profondamente modificato la capacità di valutazione del singolo. Così tanto, da arrivare a farti acquistare il superfluo convincendoti che ne valga la pena. Di questo assunto sono pieni i nostri carrelli della spesa.

Per quanto mi riguarda, se vado a Portonovo preferisco portarmi a casa un succoso piatto di moscioli: ti basta aggiungerci un po’ di limone e prezzemolo per farti ricordare per sempre di quella bellissima Baia. Dell’aria in lattina, una volta aperta, non ti resta che una lattina piuttosto indigesta. Nessun profumo, nessun gusto, nessun senso d’aver assaporato il paradiso.

 


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi