Un’estate osimana ad altissimo livello culturale ricca di proposte e di futuro

La mostra di Sgarbi e i notevoli incrementi di turisti e accessi alle varie iniziative messe in campo hanno dato ragione al sindaco

Dalle «Stanze segrete di Vittorio Sgarbi» al «Rivivi 700», passando per i «Venerdì di luglio» e «Calici di stelle»: un’estate da record, quella osimana, ricca di proposte culturali che hanno coinvolto cittadini e turisti in una giravolta di eventi.

"Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi", 19 agosto 2016. Peter Glidewell (critico d'arte, consigliere di Vittorio Sgarbi durante il Sottosegretariato ai Beni Culturali), prof. Fabio Alberto Roversi Monaco, Vittorio Sgarbi, Massimo Morroni (storico osimano), Simone Pugnaloni, Monica Glorio (Assessore allo sviluppo economico, ambiente e turismo). (Foto di Bruno Severini)
“Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi”, 19 agosto 2016. Peter Glidewell (critico d’arte, consigliere di Vittorio Sgarbi durante il Sottosegretariato ai Beni Culturali), prof. Fabio Alberto Roversi Monaco, Vittorio Sgarbi, Massimo Morroni (storico osimano), Simone Pugnaloni, Monica Glorio (Assessore allo sviluppo economico, ambiente e turismo).
(Foto di Bruno Severini)

«Quest’anno abbiamo scelto di investire sul binomio cultura-turismo – ha commentato il sindaco Simone Pugnaloni – e i numeri sui flussi turistici, in continua crescita, ci hanno dato fin da subito ragione».

A far da traino alla lunga estate osimana è senz’altro la mostra ‘Lotto, Artemisia, Guercino. Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi’, ospitata dagli interni di Palazzo Campana. Oltre 120 opere d’arte, dal Cinquecento ai giorni nostri, selezionate dalla collezione privata Cavallini-Sgarbi, mai prima d’ora presentate al pubblico italiano. L’esposizione, inaugurata il 18 marzo e prolungata fino al 6 gennaio 2017 in virtù del successo riscontrato, ha attirato ad Osimo personalità di rilievo, tra cui il ministro Franceschini, il presidente della regione Ceriscioli e, da ultimo, il giurista Fabio Alberto Roversi Monaco, storico Rettore dell’Università di Bologna, venuto in visita il 19 agosto. Il picco di presenze è stato raggiunto il 23 agosto, quando a una coppia di Forlì è stato consegnato il biglietto numero 30.000.

Numeri da capogiro anche per la città sotterranea che ha registrato un netto incremento di percorsi guidati grazie all’apertura, avvenuta a maggio, delle Grotte Riccioni in via Campana, che si sono aggiunte alle Grotte del Cantinone e a quelle della famiglia Simonetti. Un dedalo di 9.000 metri su cui si estendono più di ottanta nicchie perfettamente conservate, ricche di incisioni e bassorilievi di carattere religioso ed esoterico. Da gennaio ad agosto sono state circa 15.000 le presenze registrate, incentivate anche dalla proposta del biglietto congiunto con Camerano, che dà accesso ai siti di entrambi i comuni.

Motivo di lustro per i tesori della città è stata la visita di Giovanni Caprara, giornalista del Corriere della Sera, che includerà Osimo tra ‘Le meraviglie dell’Italia sotterranea’, la nuova guida del Touring Club Italiano in uscita alla fine di settembre. Non da ultimo, le grotte situate sotto piazza Dante sono state designate come set d’eccezione per le prossime riprese della fiction di Rai1 ‘Che Dio ci aiuti!’, previste fra settembre e ottobre, e del film ‘Il gatto e la luna’, con Roberto Lippolis alla regia e l’osimano Enzo Storico in veste di attore e produttore.

E se i ‘Venerdì di luglio’ hanno animato il centro storico attraverso spettacoli di danza, musica dal vivo, attrazioni per bambini e shopping sotto le stelle, con negozi aperti fino a mezzanotte, non da meno è stato il lungo week-end di ferragosto. Domenica 14, ‘Calici di stelle’, definito «l’evento cool della stagione» dal primo cittadino, ha ospitato nel suggestivo panorama di Piazza Nuova le migliori case vinicole della regione.

Concerto di Ferragosto. Piazza Dante. (Foto di Bruno Severini)
Concerto di Ferragosto. Piazza Dante. (Foto di Bruno Severini)

Lunedì 15, invece, è stato il turno del grande violinista osimano Marco Santini che, accompagnato dalla Mannheimer ensemble orchestra, ha incantato un’estesa platea di spettatori contando sulla straordinaria acustica di piazza Dante, location fin’ora scarsamente sfruttata. E sulla scia di questo successo è nata la proposta mossa da Alessandro Buccelli, Coordinatore di Forza Italia, di scegliere proprio piazza Dante come salotto per ‘Le mie stanze segrete’, la conferenza che Vittorio Sgarbi dedicherà alla mostra osimana sabato 3 settembre. Un appuntamento gratuito, aperto al pubblico, che coinciderà con la possibilità di visitare l’esposizione all’interno di palazzo Campana fino all’una di notte, al prezzo ridotto di 4 euro. Durante la serata, l’orario di apertura dell’impianto di risalita che collega il Maxiparcheggio di via Colombo al centro storico sarà prolungato fino alle 23 per agevolare gli spostamenti.

Un’altra iniziativa volta a promuovere il turismo è la creazione di un’area attrezzata – per la quale sono stati stanziati 52.000 euro e che sarà operativa entro il mese di settembre – in prossimità del parcheggio di via De Gasperi, in grado di rispondere alle numerose richieste giunte dai viaggiatori che arrivano a Osimo in camper. Viceversa, i forestieri che vogliono alloggiare presso le strutture cittadine, possono contare su un ampio ventaglio tra hotel, bed and breakfast, agriturismi e country house presenti in larga scala su tutto il territorio.

«È stato bellissimo, fin’ora, vedere vie e piazze del centro affollate – ha ribadito Pugnaloni – Significa che la strada è quella giusta e che Osimo ha molto da offrire».

Il calendario estivo sarà ricco di eventi fino al 18 settembre, festa di San Giuseppe da Copertino, patrono della città, per poi proseguire fino al 25 del mese. In programma, concerti, galà di danza con ospiti d’eccezione, cerimonie e mostre. Non mancherà, come da tradizione, lo spettacolo pirotecnico.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

“Perché noi siamo amore…”

Giornata di San Valentino 2021


Camerano, 14 febbraio 2021 – Facciamo un po’ di storia sulla festa degli innamorati senza arrivare a scomodare l’antica Roma dei Cesari. La leggenda narra che il santo avrebbe donato a una fanciulla povera una somma di denaro necessaria come dote per il suo sposalizio, che, senza di questa, non si sarebbe potuto celebrare, esponendo la ragazza priva di mezzi e di altro sostegno al rischio della perdizione. Il generoso dono – frutto di amore e finalizzato all’amore – avrebbe creato la tradizione di considerare il santo vescovo Valentino come il protettore degli innamorati.

La più antica Valentina di cui sia rimasta traccia risale al XV secolo e fu scritta da Carlo d’Orléans, all’epoca detenuto nella Torre di Londra dopo la sconfitta alla battaglia di Agincourt (1415). Carlo si rivolge a sua moglie (la seconda, Bonne di Armagnac) con le parole: Je suis desja d’amour tanné, ma tres doulce Valentinée… (Sono già malato d’amore, mia dolcissima Valentina).

Inoltre, alla metà di febbraio si riscontrano i primi segni di risveglio della natura; nel Medioevo, soprattutto in Francia e Inghilterra, si riteneva che in quella data cominciasse l’accoppiamento degli uccelli, quindi l’evento si prestava a essere considerato la festa degli innamorati.[

A dare impulso alla festa, soprattutto nei paesi di cultura anglosassone, e per imitazione anche altrove, è stato lo scambio di valentine, bigliettini d’amore spesso sagomati nella forma di cuori stilizzati o secondo altri temi tipici della rappresentazione popolare dell’amore romantico: la colomba, l’immagine di Cupido con arco e frecce… (nella foto, Amore e Psiche, particolare della scultura del Canova). La Greeting Card Association ha stimato che ogni anno venivano spediti il 14 febbraio circa un miliardo di biglietti d’auguri. Si è andati avanti così fin quasi alla fine degli anni 2000, anche grazie ad alcuni imprenditori statunitensi come Esther Howland che iniziarono a produrre biglietti di san Valentino su scala industriale.

Oggi non si fa quasi più, gli innamorati del 2020 preferiscono scambiarsi scatole di cioccolatini, fiori, qualche gioiello. Senza dimenticare miliardi di frasi sdolcinate scambiate via Whatsapp e Instagram.  E impazza festeggiare al ristorante. Pienissimi quest’anno, ma a pranzo e non più a cena per via della pandemia.

Contenuto non disponibile.
Si prega di accettare i cookie cliccando su ACCETTO nel banner esposto

C’è chi condanna questa festa additandola come un’operazione puramente commerciale, ma sono per larga parte innamorati delusi o cornuti traditi. Altri, sostengono che se ami qualcuno devi dimostrarlo tutto l’anno e non solo il 14 febbraio.

Sia come sia, e che piaccia o no, è indubbio che l’amore muova il mondo: “l’amor che move il sole e l’altre stelle”, scriveva Dante Aligheri nell’ultimo verso della sua Divina Commedia. E se lo diceva lui…

Che esista un giorno deputato a celebrare l’amore, alla fine, non fa male a nessuno. Ed è giusto che i nostri ragazzi – ma vale per tutti gli innamorati e le coppie del mondo – possano sognare e pensare l’amore che stanno vivendo come unico, irripetibile e per sempre. Certo, è uno dei più grossi inganni che l’esistenza possa riservare, ma non diciamoglielo mai.

Perché viverlo, l’amore, produce il più grande stravolgimento ormonale, emotivo e sensoriale che si possa provare nell’arco di una vita. Non esiste nient’altro al confronto, “Perché noi siamo amore”, come canta il professor Roberto Vecchioni in Chiamami ancora amore (video allegato).

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi