“La terra trema, noi no!” Una maglietta per aiutare i tanti “Marino” del terremoto

La pizzeria Nottetempo di San Biagio aderisce all’iniziativa bio per la raccolta di aiuti

Osimo. Che cosa rende l’uomo essere umano? L’ingegno, la razionalità, l’uso del linguaggio? No. La solidarietà. L’amore per il prossimo, l’empatia, la capacità di tendere la mano a chi è in difficoltà. “La terra trema, noi restiamo uniti” è lo slogan che ricorre negli ultimi mesi, da quando la notte del 24 agosto il cuore del centro Italia è stato dilaniato dalla prima di una lunga serie di scosse che continuano tutt’ora a far vacillare sogni e certezze.

Il terremoto ha letteralmente sbriciolato vite di migliaia di persone. E chi ne è uscito indenne nel corpo, ha riportato danni profondi nello spirito. Perché il crollo di una casa, di un’attività, di un’azienda tirata su con anni di sacrifici, diventata col tempo ripostiglio delle speranze per il futuro, può significare il crollo della propria esistenza.

Alcuni volontari della campagna "Il bio che non trema". Grazie anche a loro i prossimi giorni verranno posizionati altri container abitativi
Alcuni volontari della campagna “Il Bio che non Trema”. Grazie anche a loro i prossimi giorni verranno posizionati altri container abitativi

È a questo punto che interviene la macchina della solidarietà, è a questo punto che l’essere umano si mette in moto per aiutare chi non ha più le forze e i mezzi per uscire da solo dal buio. Tra i tanti progetti solidali rivolti alle zone terremotate c’è “Il Bio che non trema”, una iniziativa nata a Senigallia ma abbracciata anche dagli osimani, in particolare dai gestori della pizzeria Nottetempo di San Biagio.

“Il Bio che non trema” è un’idea tutta verde – come si intuisce dal nome – nata con lo scopo di soccorrere l’azienda biologica Marchese Marino localizzata a Monte San Martino (MC), paese ai piedi del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Lo stabile, composto da stalla e laboratorio di trasformazione che funge anche da abitazione dei titolari Paola e Marino, ha subìto, in seguito al terremoto di agosto, lesioni strutturali significative che si sono aggravate con lo sciame sismico di fine ottobre.

Allo scopo di consentire al caseificio marchigiano di riprendere la regolare attività produttiva, e alle maestranze di tornare alla vita di tutti i giorni, è stata avvviata una raccolta fondi a cura dei ragazzi dello spazio autogestito Avoltùra di Senigallia, che ogni sabato organizzano il mercato biologico Mezza Campagna.

Partita lo scorso 15 ottobre, la campagna bio ha già raccolto fondi sufficienti all’installazione, avvenuta il 6 novembre, dei primi due container abitativi muniti di corrente elettrica, acqua, fognature, riscaldamenti, linea telefonica e internet che potranno ospitare gli operai dell’azienda i quali, al pari dei titolari del caseificio, non possono ancora rientrare nelle proprie case perché dichiarate inagibili.

La pizzeria Nottetempo di San Biagio ha aderito alla campagna "Il bio che non trema"
La pizzeria Nottetempo di San Biagio ha aderito alla campagna “Il Bio che non Trema”

Ad oggi, “Il Bio che non Trema” è riuscito a raccogliere circa seimila euro tramite la piattaforma Crowfounding che consente a ciascuno, di propria iniziativa, di contribuire tramite una donazione. Per incentivare le adesioni gli organizzatori del progetto hanno realizzato una serie di “ricompense” come segno di ringraziamento.

In base all’importo offerto alla causa, ciascuno potrà ricevere una “parnanza che non trema”, ovvero un grembiule da cucina, una shopper bag in cotone, oppure un biglietto per una o due persone per visitare uno dei produttori biologici che gravitano nel circuito Mezza Campagna, o ancora un buono da spendere al tendone di Natale di Piazza del Duca a Senigallia nei giorni del 22, 23, 24 dicembre.

E se il passaparola è il metodo più efficace per diffondere progetti di questo tipo, altrettanto strategica è la promozione da parte di attività commerciali. È questo il proposito rincorso dalla pizzeria Nottetempo di San Biagio: diventare vetrina di un progetto grande, solidale e biologico. Insieme alle solite specialità culinarie, da oggi sarà possibile acquistare il nuovo gadget realizzato dai ragazzi del Bio che non trema insieme ad alcune associazioni anconetane: una maglietta che ripropone il noto slogan “La terra trema, noi no!”, e che d’ora in poi sarà in esposizione all’interno del locale osimano. Un piccolo gesto in grado di realizzare grandi cose.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Lettera aperta alla signora Elsa Maria Fornero

L’ex ministro del lavoro “madre degli esodati” torna a Palazzo Chigi come consulente


Camerano, 21 luglio 2021 – Leggo e riporto da Wikipedia: “Elsa Maria Fornero è un’economista, accademica ed ex politica italiana. Ha ricoperto la carica di ministro del lavoro e delle politiche sociali, con delega alle pari opportunità, dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 nel governo Monti”.

Leggo e riporto da Il sole 24 ore: “sindacati, M5S e Lega in pressing contro il ritorno alla Fornero. Il 27 luglio parte il tavolo sul “dopo-Quota 100”. Una parte della maggioranza in fermento e spinge per flessibilità in uscita e Quota 41. Il Mef rimane cauto. E la stessa cautela sembra mostrare Palazzo Chigi, dove, nello stesso momento in cui comincia a diventare caldo il tema-pensioni, approda proprio la professoressa Elsa Fornero, che farà parte della squadra di consulenti e “consiglieri” del Comitato d’indirizzo per la politica economica…

Una notizia che ha mandato molti italiani in fibrillazione. Tra questi, un nostro lettore che ha inviato in redazione una lettera aperta indirizzata alla Signora che, ovviamente, non potevamo mandare sotto silenzio. Eccovela.

Cara signora Elsa Maria Fornero (foto by Wakeupnews),

in tutta sincerità e tantissimo rancore – quello che lei ha prodotto in me durante questi ultimi, lunghi, sofferti sette anni cui lei mi ha condannato per il reato (mai commesso) di “esodato” – ma davvero ha la faccia tosta di ripresentarsi a Palazzo Chigi? Ma… davero, davero? come direbbe Brignano.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero sa cosa significhi essere condannati – senza aver commesso reati di sorta – a non percepire per sette anni una pensione sacrosanta maturata legalmente? No che non lo sa, perché se lo sapesse quella sua legge, nove anni fa, non l’avrebbe mai firmata.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero non si è resa conto che in sette anni mi ha sottratto (che poi sarebbe un eufemismo) – moltiplicato per migliaia e migliaia di italiani come me – circa 50mila euro che moltiplicati per mille fanno cinquanta milioni? Oh, certo, non sono soldi che lei si è messa in tasca; sono però soldi che lei ha ordinato e permesso di sfilare dalle mie tasche, ed è ovvio che m’importa poco dove siano finiti o come siano stati spesi. Erano miei e lei ha ordinato che non mi venissero riconosciuti. L’ha fatto di sua iniziativa, senza neppure domandarmi se fossi d’accordo!

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, si è mai resa conto che l’ammontare mensile della mia pensione, che lei per sette anni mi ha negato, era pari a quanto guadagnato da lei in un giorno da ministro? E questa riflessione mi fa giungere alla conclusione che quelle sue famose lacrime versate all’annuncio della sua legge, erano lacrime d’un coccodrillo strapagato e anche un tantino ipocrita. Perché vede, lei non era obbligata a firmarla quella legge. Se davvero – come disse – comprendeva il dramma in cui stava per far sprofondare migliaia e migliaia di italiani, avrebbe potuto dire no.    

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, per favore, mi ascolti. Di danni ne ha fatti già abbastanza. Dica al premier Draghi che ci ha ripensato e se ne resti a casa. A 73 anni, non credo lei abbia ancora bisogno di ulteriore visibilità. Anche perché a me, sinceramente, di saperla lì un po’ inquieta, anche se ci sta aggratis. Resti a casa, per favore. Se non lo vuole fare per la sua, lo faccia almeno per la mia dignità e per quella di migliaia e migliaia di italiani da lei esodati. Un favore, dopo averci condannato a sette anni di sacrifici, potrebbe anche farcelo, non crede?

(segue firma)

© riproduzione riservata


link dell'articolo