Fusione Inrca – ospedale di Osimo unico punto discusso in Consiglio

Approvato con 13 voti favorevoli su 18. Ma la minoranza non ci sta. Contrario anche il voto dell'Altra Osimo con la Sinistra.

Osimo – I rappresentanti delle Liste Civiche disertano di nuovo i banchi, ma questa volta il numero legale per il Consiglio Comunale programmato per la serata di ieri, mercoledì 1 marzo, c’è. Un consiglio straordinario indetto per dibattere un solo punto all’ordine del giorno: l’integrazione tra l’Inrca e l’ospedale di Osimo – in attesa che venga realizzato un nuovo ospedale di rete all’Aspio, anelato dal 2008 ma ancora fantasma – e il conseguente destino del nosocomio cittadino.

L'Ospedale di Osimo
L’Ospedale di Osimo

Una fusione che non deve fare paura a detta del sindaco Pugnaloni e dei vertici sanitari regionali intervenuti all’interno della sala gialla, ma che non convince affatto le altre forze politiche, il cui orecchio è già teso ai rintocchi delle campane che suonano a lutto.

A riassumere le motivazioni sottese all’operazione è stato Alessandro Marini, direttore generale dell’Asur Marche, che ha parlato della nuova classificazione degli ospedali regolata dal decreto numero 70 del 2015 secondo cui un ospedale di primo livello deve rivolgersi a una dimensione di almeno 80 mila persone.

Alessandro Marini, direttore generale Asur Marche
Alessandro Marini, direttore generale Asur Marche

Il protocollo d’intesa siglato lo scorso maggio tra Osimo e Inrca riguarda per il momento le unità operative interaziendali di Chirurgia Generale e Urologia, che hanno unito le rispettive due équipe sotto un unico responsabile. L’integrazione riguarda i servizi sanitari ma anche gli aspetti amministrativi e giuridici.

Il Ss Benvenuto e Rocco passa sotto la guida del presidio della Montagnola «ma mantiene la propria autonomia organizzativa e operativa – specifica il primo cittadino – secondo il budget assegnato dalla Regione, salvaguardando i posti di lavoro e i contratti con possibilità di mobilità all’interno delle due strutture».

«L’Inrca è un istituto di ricerca pubblico – ha tenuto a precisare Pugnaloni – che ha carattere prevalentemente ma non solo geriatrico. Questo gli consente comunque di ospitare al suo interno un ospedale di rete. I primi mesi di lavoro condiviso hanno dato ottimi frutti – ha continuato il sindaco – il primario di Anestesia è già stato nominato, il prossimo lunedì sarà la volta di Medicina».

La sede dell'Inrca di Ancona
La sede dell’Inrca di Ancona

A fornire i numeri successivi alla fusione è Nadia Storti, direttore sanitario dell’Asur Marche: «rispetto allo scorso anno l’ospedale di Osimo ha preso in carico 500 casi di chirurgia in più ed è stato in grado di intervenire nel campo vascolare grazie al personale dell’Inrca competente – ha elencato la dottoressa – Circa 30 sono stati i ricoveri di gastroenterologia, 420 quelli di pneumologia, contro i 380 del 2015».

In diminuzione i ricoveri, che sono passati in un anno da 1500 a 850. Portati a Osimo con la nomea di eccellenze Inrca, gli ambulatori di Ortopedia, Nefrologia, Neurologia, Cardiologia, Diabetologia e Piede diabetico.

Un altro servizio che verrà potenziato è quello del pronto soccorso, per il quale è già stato redatto un progetto di ampliamento. «Il consiglio di Stato ha emesso la sentenza che concede al Comune di vendere un vecchio terreno con casolare di proprietà della Usl – ha annunciato il sindaco – a patto che il ricavato sia investito a favore della sanità osimana. Quei soldi andranno al pronto soccorso, punto di riferimento per tutta la Valmusone».

Maria Grazia Mariani, consigliera del Gruppo misto
Maria Grazia Mariani, consigliera del Gruppo misto

Per niente soddisfatti del progetto di fusione i leader di minoranza presenti in Sala Gialla: «Mi sfugge il motivo per cui siamo stati riuniti in consiglio oggi – tuona Maria Grazia Mariani del Gruppo Misto – visto che il Sindaco, di sua iniziativa, ha preso accordi con la Regione già il 20 maggio dello scorso anno».

Di ordine del giorno autoreferenziale parla anche David Monticelli del Movimento 5 Stelle, che aggiunge: «Abbiamo il pronto soccorso ma mancano i reparti specializzati. Le professionalità vengono mortificate e le funzionalità dell’ospedale limitate».

«Quali sono i vantaggi per i cittadini che hanno a che fare con liste di attese infinite? – incalza la grillina Sara Andreoli». E riferendosi alla chiusura del reparto di ostetricia e ginecologia avvenuta lo scorso anno: «Dovremmo credere a quello che ci viene detto quando un punto nascita accreditato all’Unicef è stato sacrificato a causa di precise scelte politiche?».

Dure anche le parole di Fabio Pasquinelli dell’Altra Osimo con la Sinistra: «Non accettiamo un compromesso al ribasso. La politca sanitaria regionale ha fallito e oggi ne abbiamo la conferma».

 

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Lettera aperta alla signora Elsa Maria Fornero

L’ex ministro del lavoro “madre degli esodati” torna a Palazzo Chigi come consulente


Camerano, 21 luglio 2021 – Leggo e riporto da Wikipedia: “Elsa Maria Fornero è un’economista, accademica ed ex politica italiana. Ha ricoperto la carica di ministro del lavoro e delle politiche sociali, con delega alle pari opportunità, dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 nel governo Monti”.

Leggo e riporto da Il sole 24 ore: “sindacati, M5S e Lega in pressing contro il ritorno alla Fornero. Il 27 luglio parte il tavolo sul “dopo-Quota 100”. Una parte della maggioranza in fermento e spinge per flessibilità in uscita e Quota 41. Il Mef rimane cauto. E la stessa cautela sembra mostrare Palazzo Chigi, dove, nello stesso momento in cui comincia a diventare caldo il tema-pensioni, approda proprio la professoressa Elsa Fornero, che farà parte della squadra di consulenti e “consiglieri” del Comitato d’indirizzo per la politica economica…

Una notizia che ha mandato molti italiani in fibrillazione. Tra questi, un nostro lettore che ha inviato in redazione una lettera aperta indirizzata alla Signora che, ovviamente, non potevamo mandare sotto silenzio. Eccovela.

Cara signora Elsa Maria Fornero (foto by Wakeupnews),

in tutta sincerità e tantissimo rancore – quello che lei ha prodotto in me durante questi ultimi, lunghi, sofferti sette anni cui lei mi ha condannato per il reato (mai commesso) di “esodato” – ma davvero ha la faccia tosta di ripresentarsi a Palazzo Chigi? Ma… davero, davero? come direbbe Brignano.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero sa cosa significhi essere condannati – senza aver commesso reati di sorta – a non percepire per sette anni una pensione sacrosanta maturata legalmente? No che non lo sa, perché se lo sapesse quella sua legge, nove anni fa, non l’avrebbe mai firmata.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero non si è resa conto che in sette anni mi ha sottratto (che poi sarebbe un eufemismo) – moltiplicato per migliaia e migliaia di italiani come me – circa 50mila euro che moltiplicati per mille fanno cinquanta milioni? Oh, certo, non sono soldi che lei si è messa in tasca; sono però soldi che lei ha ordinato e permesso di sfilare dalle mie tasche, ed è ovvio che m’importa poco dove siano finiti o come siano stati spesi. Erano miei e lei ha ordinato che non mi venissero riconosciuti. L’ha fatto di sua iniziativa, senza neppure domandarmi se fossi d’accordo!

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, si è mai resa conto che l’ammontare mensile della mia pensione, che lei per sette anni mi ha negato, era pari a quanto guadagnato da lei in un giorno da ministro? E questa riflessione mi fa giungere alla conclusione che quelle sue famose lacrime versate all’annuncio della sua legge, erano lacrime d’un coccodrillo strapagato e anche un tantino ipocrita. Perché vede, lei non era obbligata a firmarla quella legge. Se davvero – come disse – comprendeva il dramma in cui stava per far sprofondare migliaia e migliaia di italiani, avrebbe potuto dire no.    

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, per favore, mi ascolti. Di danni ne ha fatti già abbastanza. Dica al premier Draghi che ci ha ripensato e se ne resti a casa. A 73 anni, non credo lei abbia ancora bisogno di ulteriore visibilità. Anche perché a me, sinceramente, di saperla lì un po’ inquieta, anche se ci sta aggratis. Resti a casa, per favore. Se non lo vuole fare per la sua, lo faccia almeno per la mia dignità e per quella di migliaia e migliaia di italiani da lei esodati. Un favore, dopo averci condannato a sette anni di sacrifici, potrebbe anche farcelo, non crede?

(segue firma)

© riproduzione riservata


link dell'articolo