Posteggio selvaggio: a Numana esistono figli e figliastri?

La protesta esplode sui social e Corriere del Conero, sollecitato nel modo sbagliato a divulgare il problema, non si tira indietro

Le foto sono tratte dal post di Priscilla Caruso su Facebook

Numana, 14 febbraio 2020 – Priscilla Caruso, residente a Numana e consigliere d’opposizione della lista civica Siamo Numana, intorno alle 22.30 di giovedì 13 febbraio ha postato su una pagina social il seguente messaggio:

Torno a casa e non trovo parcheggio, quindi porto la macchina fuori dal centro, vorrà dire che per andare a dormire mi faccio due passi, poi porto fuori il cane e tò, che bel parco macchine! Potevo posteggiare anche la mia qui, che stupida che sono a volerla mettere nei parcheggi, siamo nel 2020 e ancora ho questa idea antica di parcheggiare nei posteggi e non dove mi pare. Non sto al passo con i tempi.. Sono proprio invecchiata!

Immediate e svariate le risposte dei numanesi a questo post, che pubblichiamo integralmente fino alle 9.45 di oggi:

  • Massimo Gipponi Sarebbe veramente da stampare le foto, con targhe bene in vista, e portarle domattina in comune all’ufficio dei vigili e al sindaco.
  • Massimo Gipponi Gianluigi Tombolini #numanità ?
  • Alda Marchetti Massimo Gipponi I vigili nn ti fanno niente solo la faccia stupita!!! Portala a far vedere a Gianluigi, io x viale morelli ho fatto così è stata una battaglia ma alla fine sembra essere risolta. Ma staarrivando l’estate e vedremo!!!
  • Manuela Berta-Bussmann Caspita.. Posteggi da premio
  • Giovanni Frontalini Il sindaco…. Il dissuasore che blocca l’ingresso alla piazza????
  • Massimo Gipponi E’ alzato. Strana magia, si deve essere abbassato da solo per farli entrare…
  • Priscilla Caruso A pensar male si fa peccato, ma viene da pensare che il ristorante abbia il telecomando per il carico e scarico, visto che proprio lì, stasera c’è
  • Elena Casciotti Sotto l’arco non ce la mette nessuno?
  • Priscilla Caruso Elena Casciotti ci arriveremo, non preoccuparti!
  • Yari Santini Ce famo un bar
  • Marta Aquinati Come hanno fatto ad entrare? Che vergogna!!!
  • Priscilla Caruso Marta Aquinati presumo il ristorante abbia il telecomando per quando hanno il carico/scarico
  • Giuseppe Monaco Qui non si tratta di politica….la piazzetta della Torre, non vorrei esagerare, è un luogo quasi “sacro” per noi Numanesi…vederlo violentato così, ridotto a parcheggio è vergognoso ed avvilente. Credo sia giusto dare il massimo risalto alla faccenda Arianna Carini Edoardo Danieli Silvia Santini Gianluca Ambrosi Paolo Fileni potresti fare un articolo sul Corriere del Conero su questo episodio di malcostume
  • Massimo Gipponi See, Fileni scrive solo quando c’è da tessere elogi dell’amministrazione. “Giornalismo”
  • Flavio Bugossi Le regole, purtroppo, non sono uguali per tutti ! …… vergogna !
  • Alessandra Ippoliti Incredibile!!! Mi sembra che questa volta abbiano veramente esagerato, non avevo mai visto una cosa del genere. Certo che i gestori del ristorante dovrebbero prendersi le loro responsabilità visto che aprono il passaggio. Ma il senso civico è defunto? Sono disgustata
  • Priscilla Caruso Alessandra Ippoliti la mancanza di senso civico mi devasta, è una cosa che davvero mi fa stare male. Credo che il rispetto delle regole, del prossimo e di tutto ciò che è un bene comune sia davvero la base. Mi dispiace vedere questo, come tante altre ingiustizie. Essere numanese mi sta rovinando il fegato. Ma forse è più l’essere italiana, vedere tante belle occasioni sprecate e tutta questa furbizia, è davvero pesante.
  • Michele Pomi Guarda sempre che casualità sempre i macchinoni ba …
  • Giusy Ambrosi Paolo Fileni le do un’idea sul titolo dell’articolo …. Nuova concessionaria la Torre ….
  • Emanuela Migheli Qualcuno dica al sindaco che i turisti (e parlo dei tanti che tornano, quelli che si sono comprati le seconde case a Numana) vengono a respirare aria buona, a godere del mare e del paesaggio. I parcheggi ce li hanno in città, gli ingorghi di traffico pure. Ditegli che i sindaci bravi stanno facendo politiche di pedonalizzazione e dissuasione del traffico privato anche nelle grandi città.
    Invadere il centro di Numana con le auto vuol dire distruggerla e rinunciare alla sua specificità.
    Fare due passi dal parcheggio alla piazza della Torre è alla portata di tutti. Le distanze sono minime.
  • Emanuela Migheli Esatto. Ma i ristoratori tra un po’ di imboccano tra loro. Il turismo mordi e fuggi che si accontenta di tutto, anche delle piazze ridotte a parcheggio, si porta il panino da casa…
  • Graziano Carletti ……tu nella vita comandi fino a quandooo,ciai stretto in mano il tuo telecomandooooooo……..Renzo Arbore
  • Lenka Strasilova Ospiti importanti. Per loro la legge non vale. A Numana possono fare di tutto

Chi scrive, e di conseguenza Corriere del Conero, sono stati sollecitati (nel modo sbagliato) ad affrontare la questione. Lo avremmo fatto comunque se la denuncia fosse pervenuta al giornale nel modo corretto, e cioè inviando foto e descrizione dell’accaduto via mail all’indirizzo: redazione@corrieredelconero.it. E questo così, giusto per dare una risposta concreta allo scetticismo da tastiera del signor Massimo Gipponi. E che sia chiaro: Gianluigi Tombolini viene considerato da chi scrive uno dei migliori sindaci fra i Comuni che informiamo, ciò non toglie che possa commettere degli errori e, quando li fa, Corriere del Conero non ha nessun timore reverenziale nei suoi confronti. Li denuncia  e basta, come già successo in passato!

Torniamo ai fatti. Abbiamo sentito il ristorante La Torre nella persona del signor Paolo Gioacchini (cuoco), dal momento che il signor Gianluca Balducci era fuori per lavoro e irraggiungibile al cellulare. Gioacchini ha confermato che: «Sì, ieri sera da noi si è festeggiato un compleanno. Ma non possiamo certo sapere dove i nostri clienti posteggiano. Non siamo vigili urbani. Non abbiamo nessun telecomando o chiave per i paletti dissuasori. I nostri fornitori, per lo scarico merci, si fermano prima del paletto». Poi ha supposto che, dal momento che diverse ditte lavorano nel centro storico e hanno la chiave del paletto con serratura, probabilmente non l’hanno chiuso e qualcuno, in cerca di posteggio, lo abbia sfilato e sia entrato abusivamente.

Il sindaco Gianluigi Tombolini, invece, era piuttosto indignato. «Ho appena saputo della cosa – ha dichiarato – E condanno fermamente questi posteggi selvaggi. Faremo un’indagine per capire cosa sia successo. Purtroppo di notte, come in tutti i Comuni, non c’è servizio di sorveglianza e non si può imputare sempre al sindaco la colpa dei maleducati o trasgressori. Ma una cosa va detta a Priscilla Caruso in quanto consigliere comunale: bene ha fatto a denunciare l’accaduto sui social, ma con meno tempo avrebbe potuto anche telefonare ai Carabinieri affinché intervenissero».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

" >
di Paolo Fileni

Forse, qualche osimano si salverà…

Rileggete i vostri commenti su Facebook in merito alla distribuzione gratuita delle mascherine alle famiglie


Osimo, 2 aprile 2020 – Iniziata la distribuzione gratuita delle12mila mascherine fabbricate dalla Galassi di Osimo Stazione e donate dal Comune di Osimo una per famiglia; distribuite dai volontari della Protezione civile casa per casa senza chiedere un euro (foto).

Pubblichiamo di seguito solo alcuni dei tanti commenti che hanno risposto su Facebook alla domanda di Ale Quattro: “Cosa ne pensate?” Ho lasciato nome e cognome perché ognuno deve essere in grado di assumersi la responsabilità di quel che scrive pubblicamente sui social. Per la stessa ragione, ho lasciato anche gli errori ortografici. Rileggeteli, rileggetevi, si commentano da sé.

Jessica Pagliarecci: Non mi piace è scomoda

Cristina Lozzi : Nn mi.piace

Emanuela Solimando: Non c è da fare tanto gli schizzinosi in questo periodo…. Se nn vi piace xke non è fashion regalatela a chi la accetta anche “brutta e semplice!” È scomoda???? Pensa un po invece che comodità avranno gli infermieri e dottori in terapia intensiva con le loro mascherine!!!! Mammamia…. Ste cose nn se po sentì…

Naika F Frontini: Emanuela Solimando io non credo c’entri quello… Anche a noi è arrivata ma quel materiale a noi da fastidio,inoltre è molto scomoda… Ne abbiamo altre per il lavoro orribili e ci andiamo anche in giro. Non c’entra il fatto se è bella o brutta ma semplicemente è un parere specialmente per mettere alla luce che non è un buonissimo materiale ed è scomoda tutto qua. Non pensiamo sempre male…

Emanuela Solimando: Naika F Frontini bene…. Allora era meglio se nn veniva dato niente e continuavamo a farci le mascherine con la carta forno..

Serena Polenta: Potevano anche fare a meno…ma come si fa a portare una cosa del genere

Anna Vocale: Una cagata pazzesca

Alex Rossi: Scrivo per quelli che…. le mascherine hanno il ponte troppo largo,mi fa soffocare perché progettata male, come si fa ha portare una cosa del genere… una cagata..ecc (mi scuso se non le cito tutte ma di minchiate ne scrivete tante), volevo dire ai lor signori invece di perdere tempo prezioso qui a lamentarsi… di andare ha farsi un giretto nelle sale di rianimazione per vedere tutte quelle persone che disgraziatamente hanno avuto la fortuna di mettersi un tubo in gola perché i polmoni infetti… magari sfortunati perché molti di loro non avevano una mascherina di nessun genere… nello stesso tempo guardate anche tutti quei infermieri,dottori che sul loro viso hanno le piaghe perché con la mascherina ci vanno quasi anche ha dormire perché sanno che non ne hanno molte ha disposizione e che prenderebbero molto volentieri anche le vostre mascherine. Finito ritornate a casa e guardatevi allo specchio magari senza mascherina cosi vi riconoscerete meglio di che persona ingrata (qui sarebbe stato appropriato altro termine) siete. Buona giornata.

Poteva bastare anche solo un grazie! Credo il messaggio sia chiaro: alla fine qualche osimano si salverà!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi