Filottrano – 1/tentato suicidio – 2/pena definitiva per furto

Continua il lavoro di prevenzione dei carabinieri denominato “Estate sicura”

L’intensificazione di tutti i servizi di controllo e prevenzione assicurati per tutta l’estate, nell’ambito del dispositivo d’intervento denominato “Estate sicura”, diretto e coordinato personalmente dal Comandante di Compagnia – Cap. Raffaele Conforti, con l’intervento di tutte le stazioni Carabinieri, del Nucleo operativo e Radiomobile e con l’impiego della Stazione Mobile nelle località costiere e di periferia, sta ottenendo ottimi risultati operativi. Nello specifico:

TENTATO SUICIDIO

A Filottrano, nelle prime ore di questa mattina, martedì 27 giugno, i carabinieri della locale stazione, durante il servizio perlustrativo notturno, transitando in via Marinuccia nei pressi di Villa Spada, notavano una Fiat Punto grigia ferma lungo il ciglio della strada con all’interno un individuo di sesso maschile seduto alla guida.

Avvicinatisi al veicolo, i militari notavano lungo lo sportello dell’auto vistose macchie di sangue, per cui provvedevano ad intimare all’uomo di scendere dall’autovettura. Costui, rifiutandosi, urlava ai carabinieri: «…allontanatevi, che voglio ammazzarmi!»

Con non poche difficoltà, i militari intervenivano riuscendo a far uscire l’uomo dall’abitacolo. Parlandogli, riuscivano a calmarlo e a disarmarlo, dal momento che l’aspirante suicida impugnava una lametta da barba e presentava vistosi tagli all’avambraccio sinistro con una copiosa fuoriuscita ematica.

Subito dopo gli venivano prestati i primi soccorsi, tamponando le ferite per bloccare l’emorragia e richiedendo l’immediato intervento del personale medico del 118.

Dalle successive indagini, emergeva che l’auto era stata segnalata poche ore prima, e dunque oggetto di ricerca. La stessa, risultava in uso a B.C., 43enne, nato e residente ad Osimo, coniugato e disoccupato.

Nell’attesa dell’arrivo dell’ambulanza, i carabinieri continuavano il dialogo con l’uomo che ammetteva di essere B.C. e che si era allontanato da casa con intenti suicidi. Un gesto insano motivato da problemi di carattere familiare e dall’abuso di alcol.

All’arrivo del personale del 118, i militari l’accompagnavano presso l’Ospedale civile “Carlo Urbani” di Jesi su richiesta dello stesso B.C. che dichiarava di fidarsi e di voler collaborare esclusivamente con i carabinieri intervenuti sul posto.

L’aspirante suicida osimano, veniva così ricoverato a Jesi, non in pericolo di vita, dove si trova attualmente.

PENA DEFINITIVA PER FURTO

S.G. classe 1961

 

Gli stessi militari filottranesi, ieri pomeriggio, hanno arrestato in esecuzione del provvedimento di “detenzione domiciliare” emesso il 9 giugno u.s. dal Tribunale di Sorveglianza di Ancona, il pluripregiudicato S.G., nato nel 1961 e residente a Filottrano, divorziato, nullafacente, rintracciato presso la propria abitazione.

Dovrà espiare la pena definitiva di 10 mesi di reclusione per molteplici reati di: furto aggravato continuato, commessi tra il 1999 ed il 2007 in tutta la provincia anconetana a danno di abitazioni, aziende private ed esercizi pubblici.

L’arrestato, condotto nella caserma osimana e dopo le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione di residenza.

 

 

 

 

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Lettera aperta alla signora Elsa Maria Fornero

L’ex ministro del lavoro “madre degli esodati” torna a Palazzo Chigi come consulente


Camerano, 21 luglio 2021 – Leggo e riporto da Wikipedia: “Elsa Maria Fornero è un’economista, accademica ed ex politica italiana. Ha ricoperto la carica di ministro del lavoro e delle politiche sociali, con delega alle pari opportunità, dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 nel governo Monti”.

Leggo e riporto da Il sole 24 ore: “sindacati, M5S e Lega in pressing contro il ritorno alla Fornero. Il 27 luglio parte il tavolo sul “dopo-Quota 100”. Una parte della maggioranza in fermento e spinge per flessibilità in uscita e Quota 41. Il Mef rimane cauto. E la stessa cautela sembra mostrare Palazzo Chigi, dove, nello stesso momento in cui comincia a diventare caldo il tema-pensioni, approda proprio la professoressa Elsa Fornero, che farà parte della squadra di consulenti e “consiglieri” del Comitato d’indirizzo per la politica economica…

Una notizia che ha mandato molti italiani in fibrillazione. Tra questi, un nostro lettore che ha inviato in redazione una lettera aperta indirizzata alla Signora che, ovviamente, non potevamo mandare sotto silenzio. Eccovela.

Cara signora Elsa Maria Fornero (foto by Wakeupnews),

in tutta sincerità e tantissimo rancore – quello che lei ha prodotto in me durante questi ultimi, lunghi, sofferti sette anni cui lei mi ha condannato per il reato (mai commesso) di “esodato” – ma davvero ha la faccia tosta di ripresentarsi a Palazzo Chigi? Ma… davero, davero? come direbbe Brignano.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero sa cosa significhi essere condannati – senza aver commesso reati di sorta – a non percepire per sette anni una pensione sacrosanta maturata legalmente? No che non lo sa, perché se lo sapesse quella sua legge, nove anni fa, non l’avrebbe mai firmata.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero non si è resa conto che in sette anni mi ha sottratto (che poi sarebbe un eufemismo) – moltiplicato per migliaia e migliaia di italiani come me – circa 50mila euro che moltiplicati per mille fanno cinquanta milioni? Oh, certo, non sono soldi che lei si è messa in tasca; sono però soldi che lei ha ordinato e permesso di sfilare dalle mie tasche, ed è ovvio che m’importa poco dove siano finiti o come siano stati spesi. Erano miei e lei ha ordinato che non mi venissero riconosciuti. L’ha fatto di sua iniziativa, senza neppure domandarmi se fossi d’accordo!

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, si è mai resa conto che l’ammontare mensile della mia pensione, che lei per sette anni mi ha negato, era pari a quanto guadagnato da lei in un giorno da ministro? E questa riflessione mi fa giungere alla conclusione che quelle sue famose lacrime versate all’annuncio della sua legge, erano lacrime d’un coccodrillo strapagato e anche un tantino ipocrita. Perché vede, lei non era obbligata a firmarla quella legge. Se davvero – come disse – comprendeva il dramma in cui stava per far sprofondare migliaia e migliaia di italiani, avrebbe potuto dire no.    

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, per favore, mi ascolti. Di danni ne ha fatti già abbastanza. Dica al premier Draghi che ci ha ripensato e se ne resti a casa. A 73 anni, non credo lei abbia ancora bisogno di ulteriore visibilità. Anche perché a me, sinceramente, di saperla lì un po’ inquieta, anche se ci sta aggratis. Resti a casa, per favore. Se non lo vuole fare per la sua, lo faccia almeno per la mia dignità e per quella di migliaia e migliaia di italiani da lei esodati. Un favore, dopo averci condannato a sette anni di sacrifici, potrebbe anche farcelo, non crede?

(segue firma)

© riproduzione riservata


link dell'articolo