Riqualificazione del bellavista Fuori Porta: dov’è finito il chiosco bar?

Se lo chiede Lorenzo Rabini di Operazione Futuro insieme a tanti cittadini

Camerano. C’è questa storia, tutta da chiarire, che riguarda il belvedere di Camerano. Quell’area, per intenderci, che tutti i residenti conoscono come “For’de’porta” (come riportato nei decreti regionali). Te lo trovi uscendo dal centro paese, sulla destra, sottoforma di una grande terrazza panoramica che permette alla vista di spaziare fino al mare e alle colline e paesi che fanno da corona al Conero. Un panorama mozzafiato a trenta passi dal bar Bosco.

La terrazza del bellavista a Fuori Porta che doveva ospitare il nuovo chiosco bar
La terrazza del bellavista a Fuori Porta che doveva ospitare il nuovo chiosco bar

Una storia da chiarire – dicevamo in premessa – portata alla ribalta della cronaca da Lorenzo Rabini, capogruppo della lista civica Operazione Futuro e consigliere di minoranza in Consiglio comunale.

«Ho cinquantadue anni – si presenta Rabini – e abito a Camerano da sempre. La mia è una delle famiglie storiche del paese. Sono sposato con Stefania e ho due figli, Filippo e Alessandro. Questo, per me, è il quarto mandato consecutivo come consigliere. Ricopro la stessa carica anche nel Consiglio provinciale da sette anni».

Lorenzo Rabini, capogruppo della lista civica Operazione Futuro
Lorenzo Rabini, capogruppo della lista civica Operazione Futuro

Una carica, quella provinciale, che andrà a scadere presto con l’abolizione delle provincie.

«No, questa è una diceria che va smentita – sbotta Rabini – vero è che l’abolizione è inserita nel prossimo referendum, ma anche se dovessero vincere i sì resta la legge ordinaria Del Rio che tutela l’ente d’Area Vasta che comunque resterà in piedi e funzionante. Certo, io spero che vincano i no e che la provincia possa tornare a ricoprire quel ruolo politico e amministrativo che le compete».

Rabini, attraverso una interrogazione, ha chiesto all’Amministrazione di chiarire la situazione attuale del bellavista fuori porta dal momento che per lui certi conti non tornano. Vediamo di riassumere brevemente la questione.

La storia

Tutto nasce due amministrazioni fa con un progetto di riqualificazione e valorizzazione ambientale di siti della Riviera del Conero – asse V Por Fesr Marche – grazie all’accesso a fondi europei (2007/2013).

Al Comune di Camerano viene concesso un contributo pubblico comunitario pari a 300mila euro, sui 460mila previsti, finalizzati alla riqualificazione e ristrutturazione dell’area “belvedere panoramica conosciuta come Fuori Porta”.

Il progetto prevedeva la demolizione di un chiosco bar esistente e la ricostruzione dello stesso con un manufatto a due livelli, parallelo ad una scalinata che scende proprio a Fuori Porta. Il resto ce lo racconta il consigliere Rabini.

«Sono passati tanti anni da allora e dall’emanazione dei decreti regionali riguardanti l’approvazione di quel progetto e la sua ammissibilità al finanziamento – spiega Rabini -. E altrettanti ne sono passati dalla pubblicazione delle delibere comunali e delle varianti allo stesso. Oggi, l’area si presenta incompleta rispetto al progetto originario. È stata rifatta la pavimentazione del bellavista, sono state aggiunte alcune panchine, fatto un intervento sui giardini sottostanti, ma del nuovo chiosco bar non c’è neppure l’ombra. Anzi – sottolinea il consigliere – col tempo il locale sottostante dello scheletro della struttura esistente, mai terminata, si è trasformato in un nascondiglio per spaccio e uso di droghe. Tanto è vero che è stato temporaneamente chiuso con assi di legno».

I locali sottostanti la terrazza del bellavista sbarrati con assi di legno
I locali sottostanti la terrazza del bellavista sbarrati con assi di legno

Avete provato a chiedere un parere ai cittadini sulla mancata ricostruzione del chiosco bar?

«Ci sono state assemblee pubbliche che hanno affrontato il tema. Dalle quali è emerso un parere quasi generale sul fatto che un nuovo chiosco toglierebbe visibilità allo splendido panorama di Fuori porta. Resta il fatto, inequivocabile, che il progetto approvato e finanziato con denaro pubblico comunitario è mancante di questo manufatto su due piani. Operazione futuro vuole fare piena luce su questa vicenda, sui finanziamenti avuti per realizzare il progetto e sulla sua mancata realizzazione».

Come a dire: dove sono finiti tutti i soldi incassati dal Comune se il progetto è stato realizzato solo in minima parte? Domanda che giriamo al sindaco Annalisa Del Bello.

«Ricordo vagamente quel progetto – spiega la prima cittadina – anche perché risale a due amministrazioni fa e dunque non l’ho vissuto in prima persona. Quel contributo comunitario fu chiesto per la riqualificazione di tutta l’area interessata: il rifacimento del bellavista con accessori d’arredo vari e i giardini sottostanti. La ricostruzione di un nuovo chiosco bar fu inserito nel progetto da quell’amministrazione e ricordo che fu fatto un bando per la sua realizzazione. Ma andò deserto, non si presentò nessuno e il progetto cadde nel dimenticatoio».

Annalisa Del Bello, sindaco di Camerano
Annalisa Del Bello, sindaco di Camerano

Dunque, i 300mila euro ottenuti sono stati spesi tutti per la riqualificazione?

«Certo. Esiste una commissione che vigila su come vengono spesi i contributi europei. Del proprio operato, le amministrazioni devono rendergli conto. Se ci fossero state delle irregolarità sarebbero uscite fuori da tempo».

Passerà molto tempo prima di trovare una soluzione per terminare quel lavoro? Quei pannelli di legno grigio che sbarrano l’ingresso dei locali sotto il bellavista sono proprio brutti a vedersi.

«Sì, lì si sarebbe dovuto intervenire da tempo – ammette la Del Bello – ma ci sono sempre troppe cose da fare con maggiore priorità. Se per quanto tempo intende quest’anno, non credo sarà possibile. Si era pensato di concedere quei locali a qualche associazione, vedremo, bisogna ragionarci. Nei prossimi anni affronteremo di sicuro la questione e troveremo una soluzione».

E i pannelli di legno? Magari sostituirli provvisoriamente con qualcosa di decente…

«Se ne può parlare. Vedremo il da farsi».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Primo Maggio con mascherina

Nessun corteo, nessuna bandiera, nessun concerto, pochi vaccini


1 maggio 2021 – Oggi, esattamente come un anno fa. E questo editoriale potrebbe finire qui. Trecentosessantacinque giorni fa, giorno più giorno meno, uscivamo da una dura segregazione forzata in casa dovuta ad una pandemia ignorata da tutti. Erano i giorni degli striscioni ai balconi che recitavano “andrà tutto bene”, “insieme ce la faremo”. Invece, a distanza di 12 mesi siamo ancora qui a misurare quotidianamente i morti per Covid e le persone in quarantena. A registrare l’evoluzione di un virus che sembra invincibile con la sua capacità di trasformarsi in cento varianti sparse nel mondo sempre più aggressive.

Prima ondata, segregazione in casa, apertura; seconda ondata, chiusure forzate; regioni gialle, arancioni, rosse. Obbligo dell’uso delle mascherine, del lavaggio delle mani, del rispetto delle distanze… Traffici e frodi per una bombola d’ossigeno introvabile, gli speculatori dei respiratori, le terapie intensive al collasso, bare accatastate in un magazzino qualsiasi, morti mai consegnati ai parenti. Variante inglese, brasiliana, indiana… E poi l’arrivo dei vaccini, i ritardi nelle consegne, i furbetti del “vax prima io” o del “no vax”…

A riviverli così, questi ultimi 12 mesi, ci rendiamo conto che il vocabolario non ci appartiene. Fatti, accadimenti, decisioni e comportamenti alieni al genere umano. Invece no, è tutto vero, reale. È successo nel nostro quotidiano, sta succedendo e continuerà a succedere. Alla faccia di chi fa finta di niente o bolla tutto come un enorme complotto ordito per governare e soggiogare il popolo, per togliergli ciò che di più sacro esiste: libertà e lavoro.

Oggi, festa dei lavoratori, la libertà del popolo è legata ad una vaccinazione di massa che va troppo a rilento e i lavoratori, stremati dal rispetto delle regole anticoronavirus e con il fiato corto dietro le mascherine, non hanno nulla da festeggiare. Un po’ perché in tanti il lavoro l’hanno perso, altri perché non hanno più i fondi necessari a sostenere l’attività.

Niente celebrazioni dunque, niente cortei, bandiere al vento o concerti in piazza com’era uso fare fino a un paio d’anni fa. Non ci sono i presupposti. Sarà un Primo Maggio con la mascherina: unico orpello concesso in tempo di pandemia.

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi