Caso Baldini – Cavalcavia 166 sulla A14: figlio di un Dio minore?

Autostrade per l’Italia inizia la nuova costruzione del ponte 167 sulla A14 crollato nel marzo 2017, e incassa la vittoria sul ricorso operato da Conero Frantumazioni che chiedeva la rimozione dei divieti di transito oltre le 12 ton. sul cavalcavia 166

Camerano – Mentre i cavalcavia sulla A14 (e non solo), crollano, o vengono declassati nel tonnellaggio di percorrenza per evitare le manutenzioni dovute alla loro vetustà, Autostrade per l’Italia SpA gestore della rete viaria in questione, continua a muoversi sui singoli casi come più gli fa comodo. Tralasciando ciò che succede nel resto d’Italia (al sud, ad esempio, i cartelli di limitazione a 12 ton. che ha posto su alcuni cavalcavia sono stati letteralmente segati dagli utenti), qui da noi, alle pendici del Conero, si muove con due pesi e due misure.

Il posizionamento della campata centrale del nuovo cavalcavia 167 sulla A14, I lavori di ricostruzione del ponte crollato nel marzo 2017 sono iniziati la notte fra sabato 14 e domenica 15 aprile 

È di pochi giorni fa la notizia che ha iniziato la costruzione del nuovo cavalcavia 167, quello crollato il 9 marzo 2017 e che, rovinando sull’asfalto, ha prodotto la morte di una coppia di coniugi di Spinetoli e il ferimento di tre operai. Dopo tredici mesi d’attesa, con un disagio considerevole per gli utenti di quella via di comunicazione, è una bella notizia. Così come è una notizia che gli eredi della coppia deceduta siano stati liquidati da Autostrade SpA con somme variabili per il danno subìto di conseguenza alla morte dei loro cari.

Resta ancora in piedi tutto un’iter processuale per quantificare responsabilità e concause ma, se non altro, a giugno il 167 dovrebbe essere riaperto all’utilizzo degli utenti.

Tutto da decifrare, invece, il futuro del cavalcavia 166 che dista poche centinaia di metri dal suddetto. Il ponte, per intenderci, assurto agli onori della cronaca come il cavalcavia del caso Baldini, il titolare della Conero Frantumazioni che oltre un anno fa si era visto declassare improvvisamente la portata del cavalcavia 166 che porta alla sua azienda da 72 a 12 tonnellate. Di fatto, impedendogli di operare con i suoi mezzi pesanti.

Il cavalcavia 166 con Il cartello che vieta il passaggio a mezzi con peso superiore alle 12 tonnellate

Il nove aprile scorso, con un’ordinanza, il Tribunale di Ancona ha rigettato il ricorso urgente di Baldini con il quale la Conero Frantumazioni chiedeva la rimozione dei cartelli 12 ton., dando ragione a Società Autostrade. Senza tenere minimamente in conto che su quel ponte, fino a pochi giorni prima del declassamento, Autostrade per l’Italia aveva consentito il transito ai suoi mezzi pesanti per migliaia di passaggi con carichi anche superiori alle 70 ton.

Oltre al danno dunque, anche la beffa, dal momento che Conero Frantumazioni avendo perso il ricorso è stata condannata al pagamento delle spese processuali pari a 4 mila e ottocento euro.

Che il cavalcavia 166 sulla A14 sia figlio di un Dio minore? Forse che la salvaguardia del posto di lavoro di sedici dipendenti e del futuro dell’azienda che li fa lavorare sia meno importante della ricostruzione di un ponte crollato?

Sandro Baldini, titolare della Conero Frantumazioni

In riferimento all’ordinanza del Tribunale, e alle notizie che l’hanno portata alla ribalta dei media, la Conero Frantumazioni ha emanato un comunicato di cui pubblichiamo un ampio stralcio:

«… non riteniamo di doverci arrendere di fronte ad un provvedimento del Tribunale che si è espresso con una procedura provvisoria d’urgenza. Dal momento che la decisione è “provvisoria”, abbiamo già incaricato l’ avv. Roberto Regni d’istruire la causa ordinaria affinché il Tribunale possa decidere se i 2 cartelli di divieto di transito ai mezzi superiori alle 12 ton. siano legittimi o meno..

… gli avvocati di Autostrade per l’Italia Spa Alessandro Santucci e Francesco Mattioli di Ancona sostengono che la ditta Baldini Sandro e la Conero Frantumazioni srl abbiano violato le norme di sicurezza della  circolazione stradale e della pubblica incolumità.  Forse, i due avvocati  non sanno – in realtà lo sanno benissimo ma gli fa comodo ignorare la realtà – che è stata proprio la Pavimental Spa a  violare le norme di sicurezza con i propri automezzi (ne abbiamo documentazione), transitando sopra il ponte malgrado i divieti. E Pavimental Spa, è scritto sul loro sito internet, è detenuta al 20% proprio da Autostrade per l’Italia SpA!    

Riteniamo ingiuste le sentenze che ci hanno visto soccombere, e la puntata di  Report su Rai 3 del 16 aprile 2018 non ha fatto che confermare i  nostri pensieri e le nostre sensazioni. 

Camerano – Cavalcavia 166: La rimozione dei jersey e il posizionamento dei “panettoni”

… si riporta che gli ostacoli erano stati posizionati in seguito alla consulenza tecnica disposta dal Giudice già in primo grado: niente di più falso! Gli ostacoli sono stati posizionati una prima volta arbitrariamente da Autostrade per L’Italia SpA, e una seconda volta con un’autorizzazione della Magistratura arrivata successivamente all’installazione dei jersey. Tanto è vero che il Tribunale di Ancona il  9 maggio 2017 aveva ordinato la rimozione immediata dei jersey: “posizionati abusivamente”, come riportato nella sentenza, sulla nostra proprietà e aveva installato due “panettoni”  in cemento per “segnare il territorio”, questa volta sul ponte.

Si va dicendo da più parti che verrà costruito un ponte nuovo. Noi, al momento, non abbiamo né date né qualcosa di scritto a tal proposito.

Per noi, ogni ora che passa senza intervenire è dannosa per la nostra attività. Ogni giorno, ogni sentenza che non tenga conto della possibilità d’intervenire sul ponte per riportare il transito originario a 72 ton. mette seriamente a repentaglio la nostra capacità di resistere e di operare. Per farlo, attualmente, stiamo utilizzando una stradina privata che non potrà durare per sempre. Anzi, cogliamo l’occasione per ringraziare e scusarci con i proprietari della stradina.

Fare impresa in queste condizioni è impossibile. E consideriamo un vero miracolo l’essere riusciti a tirare avanti fino a oggi. Certo, la consapevolezza di aver subito una vera e propria “INGIUSTIZIA” ci dà una forza che pensavamo di non  avere. Ma la nostra “forza” non è sufficiente a risolvere il problema.

Questo, ad oggi, il quadro. Proveremo a percorrere tutte le vie legali possibili e lecite per tentare di risolvere il nostro problema. Anche se le istituzioni, per quasi un anno, si sono voltate dall’altra parte. In ballo c’è la sopravvivenza di un’azienda storica, quella di sedici lavoratori, delle loro famiglie e del loro futuro. Ma, soprattutto, c’è la dignità di persone che tentano di resistere ad un sopruso che lede la loro stessa essenza d’individui che non chiedono altro se non di lavorare. Come hanno sempre fatto».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Ciao Anconitana, benvenuta AnconaMatelica

Come andare a letto in Eccellenza e risvegliarsi in Serie C!


Camerano, 16 giugno 2021 – Incubo o sogno? Delusione o gioia? Opportunismo o riscatto? Elemosina o risarcimento? Tutto ciò, e forse ancora di più, deve aver provato quel tifoso del calcio dorico che ieri ha appreso dello tzunami (positivo?) che ha travolto l’Anconitana del presidente Stefano Marconi. Anconitana e presidente che spariscono dal palcoscenico sportivo per far posto al progetto AnconaMatelica arrivato con la forza di un’onda anomala prodotta da quel terremoto (positivo?) del presidente Mauro Canil da Matelica.

Come andare a dormire sapendo di dover affrontare un’altra tribolata annata calcistica in Eccellenza, per risvegliarsi il mattino dopo con la certezza che non sarà tribolata né in Eccellenza bensì in Serie C.

Un sogno, senza dubbio! Invece, parrebbe proprio di no. Condizionale d’obbligo fintanto che le parole, i progetti, le intenzioni e gli impegni non si trasformeranno in fatti reali, concreti, funzionanti. Parrebbe di no dal momento che patron Canil sembra aver convinto e messo d’accordo tutti: tifosi dorici della Nord, Amministratori comunali (Guidotti e Mancinelli) “Non mi è mai capitato di trovare un’Amministrazione così disponibile”, città, giornalisti, scettici, raccattapalle, venditori di bibite e bastian contrari.

Poteva essere diversamente? No. Ieri, in conferenza stampa alla Mole Vanvitelliana, Mauro Canil da Matelica ha parlato forte e chiaro ai presenti nell’esporre il suo progetto che mette al centro, meglio, al vertice della piramide, lo sviluppo senza se e senza ma del settore giovanile (Progetto Giovani del Territorio) con sei squadre che parteciperanno ai vari campionati nazionali. Ragazzi che preferibilmente verranno cercati sul territorio anconetano/marchigiano prima che altrove.  (Nella foto: il presidente Mauro Canil, l’assessore allo Sport di Ancona Andrea Guidotti, il presidente Stefano Marconi).

Poi, verrà l’interesse per la prima squadra con quelle promesse che tanto sono piaciute alla Curva Nord: la società si chiamerà AnconaMatelica, per poi diventare solo Ancona dalla seconda stagione, la maglia sarà biancorossa, avrà lo scudo del Cavaliere armato. «Mi piace molto il Cavaliere – ha sottolineato Canil, che ha comunque aggiunto con convinzione – Vengo ad Ancona ma non vi prometto nulla, faremo una squadra dignitosa e punteremo a restare nella categoria. Tutto quello che verrà in più sarà ben accetto. Marconi ha promesso una sponsorizzazione per i prossimi 5 anni e noi punteremo a coinvolgere nel progetto le aziende del territorio».

Questo era ciò che il mondo del pallone dorico voleva sentirsi dire, e questo Canil gli ha detto. Servito con lucidità, decisione, convinzione, esperienza (per lui parlano i suoi trascorsi e l’apprezzamento che si porta dietro). L’uomo è sembrato degno, serio, credibile, onesto. Il Presidente lo scopriremo man mano, con la convinzione che nessuno prova  a fare calcio solo per gettare soldi dalla finestra. Qualche tornaconto dovrà averlo pure lui. E se lo sai gestire bene il settore giovanile un tornaconto te lo dà.

Prossime tappe del nuovo progetto: entro il 28 giugno, iscrizione della prima squadra al campionato; entro il 15 luglio cambio nome della società con atto notarile. Punti fermi: la dirigenza resterà quella del Matelica con moglie, figlio e dirigenti vari quasi tutti al femminile. L’allenatore sarà quello del Matelica. Previsto qualche inserimento di figure anconetane.

In chiusura un invito a una riflessione che non vuol significare nulla. Semplicemente, una citazione passata per la mente senza riferimenti a chicchesia. È firmata Massimo D’Azeglio: “Saper campare del proprio, poco o molto che sia, è la prima garanzia di una vita onorata e tranquilla. Quando, invece, si comincia a vivere dell’altrui, addio tranquillità e purtroppo non di rado, addio onore”.

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi