Camerano – Caso ditta Baldini: chiuso il ponte. Un nulla di fatto l’incontro con il Prefetto

Aspettando l’esito della perizia gli operai licenziati organizzano un presidio permanente. Per sabato 22 aprile alle 16 invitano gli amici a far loro visita

Camerano – Il nostro articolo di ieri “Chiude la ditta Sandro Baldini: licenziati tutti i 15 dipendenti” ha coinvolto e appassionato un enorme numero di persone: amici e paesani, ma anche migliaia di lettori dei Comuni limitrofi hanno voluto dimostrare apertamente la loro personale vicinanza al titolare dell’azienda costretto da Autostrade per l’Italia a licenziare tutti i suoi 15 dipendenti.

camion-io-non-posso-entrare

Un’ondata impensabile di solidarietà si è riversata su Sandro Baldini, il suo geometra Simone Paoletti e i 15 operai licenziati, a un punto tale che il server del nostro giornale è andato in tilt per le troppe visualizzazioni. Lo sanno bene quei lettori che hanno atteso parecchio per riuscire ad aprire la pagina dell’articolo (ce ne scusiamo, ora il problema è stato risolto).

Riassumiamo brevemente la vicenda. C’è una sola via – il ponte, appunto – che dalla Direttissima del Conero permette ai mezzi pesanti di raggiungere la sede della ditta Sandro Baldini che sorge al di là dell’autostrada. Un ponte che scavalca la A14 e gestito da Autostrade per l’Italia. Un ponte collaudato negli anni ’70 con una portata di circa 72 tonnellate.

Il ponte sulla A14 al centro della vicenda
Il ponte sulla A14 al centro della vicenda. In primo piano il cartello che limita il transito dei mezzi pesanti a 12 tonnellate

Autostrade per l’Italia, con una decisione univoca e senza preavviso, a novembre 2016 decide di abbassare il limite di percorrenza del ponte a 12 tonnellate. Quando un camion della Baldini, a vuoto, ne pesa circa 14.

Una decisione che di fatto mette in ginocchio le attività dell’azienda che ha sede al di là del ponte. I suoi mezzi pesanti non possono né entrare né uscire dai cortili della ditta. Ma lo fanno lo stesso, perché hanno parecchie commesse da rispettare con pesanti penali in caso di ritardi nella consegna dei lavori.

Una delle due barriere jersey in cemento armato posizione all'ingresso del ponte e che, di fatto, impediscono il transito agli autocarri e ai mezzi pesanti
Una delle due barriere jersey in cemento armato posizionate all’ingresso del ponte e che, di fatto, impediscono il transito agli autocarri e ai mezzi pesanti

Giovedì 13 aprile, in mattinata, Autostrade arriva sul ponte accompagnata dai carabinieri di Camerano e fa posizionare delle barriere jersey in cemento di traverso sulla carreggiata all’imbocco del ponte per bloccare il passaggio dei mezzi pesanti. La strada è privata, però, ed è di proprietà della ditta Baldini che, interpretando come un abuso il posizionamento delle barriere, le rimuove.

Venerdì 14 aprile, nel pomeriggio, la Polstrada irrompe negli uffici della Baldini, denuncia il titolare Sandro per furto (delle barriere jersey), e di fatto chiude l’azienda. Alle 21.30 circa di sera, Autostrade torna sul ponte e riposiziona nuove barriere jersey.

Sabato 15 aprile. Baldini, impossibilitato a lavorare, fa partire le lettere di licenziamento indirizzate ai suoi 15 dipendenti. Forse, unico caso in Italia che vede un’azienda florida, con diverse commesse da onorare, costretta a licenziare i suoi dipendenti perché i propri mezzi pesanti non possono più attraversare un ponte.

Il testo di una delle 15 lettere di licenziamento che Sandro Baldini è stato costretto a firmare
Il testo di una delle 15 lettere di licenziamento che Sandro Baldini è stato costretto a firmare

Scatta la protesta dei licenziati che approntano un presidio davanti all’imbocco del ponte e richiedono al Prefetto, a gran voce, la rimozione delle barriere jersey e un collaudo del ponte che dimostri la solidità della struttura che – a loro dire – sopporta benissimo tonnellaggi oltre i 50.

Ieri, mercoledì 19 aprile, la ditta Baldini è stata ricevuta dal Prefetto di Ancona, dott. Antonio D’Acunto, che si è impegnato a fare una telefonata ad Autostrade per l’Italia. Nulla di più.

Sandro Baldini, il titolare, ha le lacrime agli occhi quando racconta: «Autostrade ha tenuto il tonnellaggio alto sul ponte, finché gli ha fatto comodo. Venivano a scaricare il frantumato all’interno della nostra ditta, passando sul ponte con camion che pesavano oltre 50 tonnellate. Ho più di mille bolle di scarico, con tanto di peso certificato, che lo dimostrano. Addirittura, ci sono passati anche il giorno dopo aver abbassato il limite di percorrenza a 12. Poi, si sono accorti dell’incongruenza e hanno smesso».

Sandro Baldini, titolare dell'azienda
Sandro Baldini, titolare dell’azienda

Nel cono d’ombra della vicenda – che non era saltato fuori fin qui – c’è il fatto che a suo tempo Autostrade per l’Italia aveva chiesto alla Baldini non meno di 250mila euro per intervenire sul ponte per fare la necessaria manutenzione. «Il ponte è di loro proprietà – spiega in lacrime Baldini – spetta a loro la manutenzione. Dove andavo a prenderli, io, tutti quei soldi?»

Alla luce di questo nuovo fatto, sorge spontanea una riflessione: non è che Autostrade per l’Italia, per evitare onerose manutenzioni, preferisca abbassare il tonnellaggio di percorrenza dei ponti che gli competono? Meno tonnellaggio, meno rischio, più denari risparmiati in manutenzioni. Tanti denari, dal momento che lungo le tratte gestite da Autostrade di ponti simili a quelli della Baldini ne esistono a decine.

È solo una riflessione, un pensiero a voce alta – uno dei tanti – ma mio nonno diceva: “a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca!”

Il geometra Simone Paoletti
Il geometra Simone Paoletti

E veniamo ad oggi, giovedì 20 aprile. Sandro Baldini, il geometra Paoletti e tutti i licenziati (un caso unico anche questo, che vede la proprietà lottare fianco a fianco con i suoi dipendenti), visto come si sono messe le cose, hanno deciso di resistere ad oltranza e di insistere con la loro protesta.

Si stanno organizzando alla grande nel presidio messo in piedi all’imbocco del ponte: un piccolo container dove hanno installato l’ufficio con tanto di computer; un altro che funge da mensa, un altro da sala relax e probabilmente un gonfiabile all’interno del quale poter riposare.

Sono convinti di aver ragione e vogliono farla valere a dispetto di tutto e di tutti. Per questo, hanno deciso di invitare davanti al loro presidio, sabato prossimo 22 aprile alle 16, tutti gli amici che stanno sostenendo la loro causa. Un raduno pacifico, per guardarsi negli occhi, per ringraziare del sostegno.

Gli striscioni di protesta e uno dei gazebo che ospitano gli operai licenziati , in presidio permanente del ponte
Gli striscioni di protesta e uno dei gazebo che ospitano gli operai licenziati , in presidio permanente del ponte

Sulla pagina facebook aperta dai licenziati: “Il ponte dei desideri – dipendenti Baldini Sandro”, il geometra Paoletti ha scritto: «Sabato 22 aprile giorno del mio compleanno. Fatemi un regalo per me di un valore immenso. Venite al nostro presidio in Via Direttissima del Conero a Camerano (An) alle ore 16:00. Voglio festeggiare il mio compleanno con una torta fatta di 1000 persone. Venite, per noi é veramente importante la vostra presenza sabato 22 aprile anzi, fondamentale per il nostro futuro. Non faremo niente di male a nessuno anzi, farete un grande regalo a tutti noi. LA GRATITUDINE PER VOI SARÀ PER TUTTO IL RESTO DELLA NOSTRA VITA E DEI NOSTRI FIGLI. GRAZIE!»


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Lettera aperta alla signora Elsa Maria Fornero

L’ex ministro del lavoro “madre degli esodati” torna a Palazzo Chigi come consulente


Camerano, 21 luglio 2021 – Leggo e riporto da Wikipedia: “Elsa Maria Fornero è un’economista, accademica ed ex politica italiana. Ha ricoperto la carica di ministro del lavoro e delle politiche sociali, con delega alle pari opportunità, dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 nel governo Monti”.

Leggo e riporto da Il sole 24 ore: “sindacati, M5S e Lega in pressing contro il ritorno alla Fornero. Il 27 luglio parte il tavolo sul “dopo-Quota 100”. Una parte della maggioranza in fermento e spinge per flessibilità in uscita e Quota 41. Il Mef rimane cauto. E la stessa cautela sembra mostrare Palazzo Chigi, dove, nello stesso momento in cui comincia a diventare caldo il tema-pensioni, approda proprio la professoressa Elsa Fornero, che farà parte della squadra di consulenti e “consiglieri” del Comitato d’indirizzo per la politica economica…

Una notizia che ha mandato molti italiani in fibrillazione. Tra questi, un nostro lettore che ha inviato in redazione una lettera aperta indirizzata alla Signora che, ovviamente, non potevamo mandare sotto silenzio. Eccovela.

Cara signora Elsa Maria Fornero (foto by Wakeupnews),

in tutta sincerità e tantissimo rancore – quello che lei ha prodotto in me durante questi ultimi, lunghi, sofferti sette anni cui lei mi ha condannato per il reato (mai commesso) di “esodato” – ma davvero ha la faccia tosta di ripresentarsi a Palazzo Chigi? Ma… davero, davero? come direbbe Brignano.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero sa cosa significhi essere condannati – senza aver commesso reati di sorta – a non percepire per sette anni una pensione sacrosanta maturata legalmente? No che non lo sa, perché se lo sapesse quella sua legge, nove anni fa, non l’avrebbe mai firmata.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero non si è resa conto che in sette anni mi ha sottratto (che poi sarebbe un eufemismo) – moltiplicato per migliaia e migliaia di italiani come me – circa 50mila euro che moltiplicati per mille fanno cinquanta milioni? Oh, certo, non sono soldi che lei si è messa in tasca; sono però soldi che lei ha ordinato e permesso di sfilare dalle mie tasche, ed è ovvio che m’importa poco dove siano finiti o come siano stati spesi. Erano miei e lei ha ordinato che non mi venissero riconosciuti. L’ha fatto di sua iniziativa, senza neppure domandarmi se fossi d’accordo!

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, si è mai resa conto che l’ammontare mensile della mia pensione, che lei per sette anni mi ha negato, era pari a quanto guadagnato da lei in un giorno da ministro? E questa riflessione mi fa giungere alla conclusione che quelle sue famose lacrime versate all’annuncio della sua legge, erano lacrime d’un coccodrillo strapagato e anche un tantino ipocrita. Perché vede, lei non era obbligata a firmarla quella legge. Se davvero – come disse – comprendeva il dramma in cui stava per far sprofondare migliaia e migliaia di italiani, avrebbe potuto dire no.    

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, per favore, mi ascolti. Di danni ne ha fatti già abbastanza. Dica al premier Draghi che ci ha ripensato e se ne resti a casa. A 73 anni, non credo lei abbia ancora bisogno di ulteriore visibilità. Anche perché a me, sinceramente, di saperla lì un po’ inquieta, anche se ci sta aggratis. Resti a casa, per favore. Se non lo vuole fare per la sua, lo faccia almeno per la mia dignità e per quella di migliaia e migliaia di italiani da lei esodati. Un favore, dopo averci condannato a sette anni di sacrifici, potrebbe anche farcelo, non crede?

(segue firma)

© riproduzione riservata


link dell'articolo