Ecco Siro rettile marino che diventerà la mascotte di Sirolo

In una Piazza Vittorio Veneto gremita esperti dell’Università di Camerino hanno presentato uno studio sulle impronte della rara creatura

Sirolo, 10 agosto 2019 – Ieri sera, in una Piazza Vittorio Veneto gremita di turisti e sirolesi, gli esperti dell’Università di Camerino hanno presentato l’articolato studio sulle undici impronte di un rettile marino rinvenute al di sopra della spiaggia delle Due Sorelle, sulle Placche dei Gabbiani.

Il geologo Giuseppe Crocetti, il biologo Alessandro Blasetti – entrambi del Museo delle Scienze di UniCam – e l’archeologo Luca Natali dell’Istituto Italiano di Paleontologia Umana (Is.I.P.U.) hanno spiegato che dopo la scoperta, avvenuta nella primavera del 2015, e i successivi approfondimenti in loco all’inizio di questa estate, è stata eseguita la scannerizzazione delle impronte per effettuare studi più approfonditi di rilevo internazionale.

Per comprendere la rilevanza della scoperta, secondo il vice sindaco Alessandro Mengarelli presente all’evento, basti pensare che al mondo sono state trovate solo tre serie di impronte di questo tipo, lasciate su fondali marini profondi dalle pinne anteriori di un rettile marino non ancora individuato, chiamato Siro in onore di Sirolo. Sulla datazione delle impronte, risalenti presumibilmente a oltre 100 milioni di anni fa, sono ancora in corso studi e confronti.

Un primo studio inerente il ritrovamento è stato già pubblicato a gennaio nella rivista internazionale specializzata Cretaceous Research, che sarà integrato prossimamente con le risultanze dei rilievi effettuati quest’anno.

Prossimamente, la Giunta Moschella valuterà se adottare il rettile marino Siro come mascotte ufficiale di Sirolo, per ampliare i contenuti dell’offerta turistica verso un turismo sempre più di qualità.

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Buone vacanze ai nostri lettori!

Paneburro&marmellata torna a fine agosto


24 luglio 2019 – Credo di essermela meritata una vacanza: 136 articoli d’opinione redatti in circa sette mesi (da gennaio ad oggi), non sono uno scherzo. Sono una media di 20 editoriali al mese. Venti giornate ogni mese dedicate a stimolare l’interesse dei lettori con riflessioni su argomenti d’ogni genere. Un contatto quotidiano mirato a ragionare, insieme, su temi sociali, di cronaca e di politica sia nazionali che regionali.

Che l’obiettivo sia stato raggiunto è fuori discussione. Lo dimostrano i vostri “mi piace”, i vostri commenti in calce ai post sui social, partiti in sordina, all’inizio, per poi raggiungere picchi notevolissimi quando l’argomento trattato era davvero sentito. A riprova che anche un giornale online può creare un “filo diretto” con chi naviga nel profondo blu di Internet. E che non è vero che chi sta sui social è senza pensieri, valori ed opinioni.

Una faticaccia, non lo nascondo, trovare ogni giorno spunti di riflessione capaci di catturare l’immaginario collettivo, e so bene che a volte ci sono riuscito e altre no. Così come a volte i lettori non hanno colto la vera essenza di Paneburro&marmellata. Ma ci sta, da una parte e dall’altra. Quel che conta davvero è questa possibilità di avere a disposizione uno spazio libero dove ognuno può esprime quel che pensa senza lacci o laccioli di sorta.

Paneburro&marmellata da oggi va in vacanza, per tornare fresco e riposato a fine agosto. Corriere del Conero, invece, no: continuerà ad informarvi anche in agosto. Dunque, un arrivederci agli affezionati lettori della striscia quotidiana. Che sia un’estate serena e piacevole per tutti voi e per le vostre famiglie, che andiate al mare, in montagna, in campagna o che restiate a casa. Riposatevi, divertitevi e… “fate i buoni!


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi