PARMA - ANCONA 0 : 2

L’Ancona batte il Parma: chi lo avrebbe detto?

Blitz dei dorici che fermano i ducali a casa loro, ma forse è troppo tardi

PARMA (3-4-3) – Frattali; Iacoponi, Lucarelli, Di Cesare; Mazzocchi (15′ Scavone), Corapi, Scozzarella (35′ st Simonetti), Ricci G. (1′ st Nocciolini); Baraye, Calaiò, Scaglia.
A disposizione: Zommers, Saporetti, Munari, Sinigaglia, Nunzella, Coly, Messina, Edera, Fall. All: D’Aversa.

ANCONA (4-3-3) – Anacoura; Daffara, Cacioli, Ricc­i L. (29′ st Kostadinovic), Barilaro; Za­mpa, Gelonese, Bambozzi; Voltan (11′ st Agyei), Paolucci (26′ st Del Sante), Fredi­ani.
A disposizione: Scuffia, Di Dio, Mancini, Bariti, Djuric, Momentè, Forgacs, Bartoli. All: De Patre.

ARBITRO: Bertani di Pisa

MARCATORI: Frediani al 17’ st, Del Sante al 48’ st.

AMMONITI: Ricci G., Scozzarella, Gelonese.

NOTE: spettatori 8.000 circa, corner: 6-1

1491759397821-jpg

Parma – Il blitz è compiuto. Come all’andata al “Del Conero” – allora per 2-1 -, anche al “Tardini” si consuma il più classico degli sgambetti, con l’Ancona ultima in classifica che batte per 2 a 0 il Parma secondo. In un clima di guerra fredda, con i 50 tifosi che neanche esultano dopo i colpi di Frediani e Del Sante, la formazione di Tiziano De Patre centra la prima vittoria del 2017. E lo fa al cospetto di una delle big del campionato. I dorici, in attesa della penalizzazione, tornano a -4 dal Fano, anche se il discorso salvezza resta un miracolo.

LA CRONACA

D’Aversa opta in avvio di gara per un 3-4-3 con Mazzocchi e Ricci esterni di centrocampo e Scaglia nei tre davanti con Baraye e Calaiò. L’Ancona invece conferma lo stesso undici che è stato sconfitto con il Teramo mercoledì scorso. L’avvio di gara è piacevole, nel primo quarto d’ora le squadre giocano a viso aperto.

La prima chance la costruiscono i ducali, con Mazzocchi che supera Barilaro, offre a Scozzarella ma la sua conclusione viene disinnescata da Anacoura. Poi è l’Ancona a farsi vedere davanti, il tiro di Frediani però termina alle stelle. Il match gode quindi di una fase di stanca fino agli ultimi cinque minuti a ridosso dell’intervallo quando la squadra di D’Aversa costruisce due clamorose palle gol.

la-potenza-di

La prima con Calaiò, servito dalla pennellata di Scozzarella, ma l’arciere ciabatta incredibilmente la conclusione; segue tre minuti più tardi l’incredibile occasione per Baraye, che con due dribbling si beve Cacioli, tira col sinistro, ma trova un miracoloso Anacoura sulla sua strada. Il portiere scuola Juventus si supera nella circostanza e di fatto mantiene inviolato il risultato sullo 0-0.

Nella ripresa il Parma, che fa la partita, colleziona la prima situazione pericolosa con il tiro da fuori area di Scozzarella, ma la sfera sorvola di poco la traversa. L’Ancona ben messa in campo si difende ordinata e prova a pungere in contropiede.

La squadra dorica ci riesce al 17’. Bambozzi suggerisce per Frediani, l’esterno dorico colpisce dal limite dell’area di rigore e con un preciso rasoterra beffa Frattali, al primo vero e proprio tiro in porta. I segnali sono positivi per la formazione di De Patre, anche perché Anacoura è in stato di grazia e sbroglia diverse situazioni intricate.

altro-intervento-di-anacoura

Ma ad un minuto dalla segnalazione del recupero Frediani spreca la colossale palla gol per chiudere il match. Il 7 biancorosso supera con un sombrero Lucarelli, si lancia verso Frattali e calcia addosso al portiere. Il Parma prova l’ultimo assalto alla porta dorica, ma soltanto un altro intervento prodigioso di Anacoura su Calaiò blinderà il risultato. Risultato certificato da Del Sante, subentrato a Paolucci, che supera la marcatura di Lucarelli e insacca in diagonale alle spalle di Frattali. Si chiude così, Parma 0 – Ancona 2.

Un viaggio in pullman, la penalizzazione che grava sulle sorti dei biancorossi, la squadra che vince per 2-0 sul campo della seconda della classe. I dorici centrano la prima vittoria del 2017, dopo una serie interminabile di sconfitte. È questa l’Ancona che i tifosi avrebbero voluto vedere, ma a giudicare dalla glaciale reazione ai gol, la salvezza resta un’effimera illusione. Perché ora, sembra davvero troppo tardi.

SALA STAMPA

De Patre: «Abbiamo raccolto niente rispetto a quanto meritavamo, molte gare sono andate come oggi, senza però portare a casa punti. La squadra sta dimostrando di seguirmi, abbiamo fatto ciò che dovevamo fare. Siamo partiti con un pullman questa mattina: non è per evidenziare le difficoltà, ma per esaltare l’impresa dei ragazzi.

C’è chi ha giocato anche mercoledì, avevamo solo due centrali fino a martedì, Kostadinovic è rientrato solo oggi. Le defezioni di organico pesano, molti non capiscono questa cosa. Se siamo ultimi i motivi ci sono sia chiaro, ma i ragazzi non hanno mai mollato. Potevamo e meritavamo di raccogliere molto di più sotto la mia gestione. La classifica dice che possiamo giocarcela fino alla fine e ci proveremo, la squadra è in crescita. La salvezza? Non faccio percentuali. Fino a ieri eravamo spacciati, ora dobbiamo solo lavorare».

 

di Giacomo Giampieri

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Meglio essere formica o essere cicala?

Riflessioni a confronto nell’evolversi della società


Camerano, 19 giugno 2022 – La favola di Esopo la conosciamo tutti, sì sì, quella della formica e della cicala. Quella dove si racconta delle formiche che passano tutta l’estate a faticare e a immagazzinare semi e provviste per l’inverno, mentre le cicale se ne fregano delle provviste e dedicano i mesi estivi a godersi il sole e a cantare da mattina a sera. Poi, quando l’estate passa e arriva il freddo dell’inverno, le formiche hanno cibo per superarlo mentre le cicale muoiono di fame.

Morale a parte (è chiaro che Esopo ci tramette la negatività dell’essere cicala), ai giorni nostri, essere formica vale ancora la pena? Voglio dire, visto l’andazzo delle cose, ha ancora senso passare una vita a spaccarsi la schiena per assicurarsi un inverno decedente e sostenibile, oppure è meglio godersela quanto più è possibile, fare ciò che si vuole e non ciò che si deve, tanto alla fine quando viene l’inverno ci sarà qualcuno che penserà anche alle cicale?

Negli ultimi sessant’anni il mondo è cambiato parecchio. Per certi versi in bene, per altri in male. Parecchio in male. I nostri genitori, negli anni ’60 del secolo scorso, hanno iniziato a fare le formiche e, dopo una vita di lavoro, rinunce e tanto sudore, in linea di principio sono riusciti ad avere una casa di proprietà e ad assicurarsi una vecchiaia senza tribolazioni. Ma quelli erano anni in cui le regole esistevano ed erano rispettate. Oggi?

Oggi, ai genitori dell’ultima generazione non basterebbero tre vite vissute nelle rinunce per riuscire a mettere al sicuro la propria vecchiaia né, tantomeno, a garantire serenità ai propri figli; e forse è anche per questo che di figli non se ne fanno più. Allora, visto come stanno le cose, che senso ha essere formica? Meglio essere cicala, se non altro me la sono goduta!

Meglio essere cicala anche perché, quando l’inverno arriva, arriva anche la Naspi, il reddito di cittadinanza, il sussidio di disoccupazione, lo sconto sulle bollette in base al proprio Isee (che più è basso e meglio è). Il lavoro? Ma che, sei matto? Chi me lo fa fare di sudare le proverbiali sette camicie quando, stando a casa in canottiera, mi danno comunque dei soldi per vivere?

Certo, mica tutti sono così… cicale, le eccezioni esistono, ma sono milioni quelli che non fanno eccezione. Quelli che (anziani indigenti a parte) oggi succhiano dal sociale tutto ciò che possono e che dicono: domani si vedrà! Eppoi, sai che domani! Le pensioni spariranno, così come tanti lavori. Magari arriva la terza guerra mondiale e… amen. Il lavoro è sempre più precario e non permette di programmare il futuro. La vita è così breve che va vissuta e non certo subìta. Meglio mille volte cicala che formica!

Eddai, ci risiamo! Eppure, basterebbe così poco. Basterebbe pagare salari equi ed onesti, con denaro che abbia un potere d’acquisto reale e solido, cosicché, dopo aver pagato l’affitto, le bollette, il cibo per la famiglia, la scuola dei propri figli, restasse ancora qualcosa per qualche capriccio. Negli anni ’60 era così, poi è arrivata la globalizzazione e la Terza Repubblica.

Ma negli anni ’60 le cicale si contavano sulle dita di una mano, e venivano additate come esempio negativo. Oggi, nel 2022, è l’esatto opposto; oggi, le cicale vengono osannate sui social. Fare sacrifici, lavorare sodo anche per poco, aspirare ad un traguardo migliore, sono modi di vivere che non ci appartengono più: che siano le formiche a fare fatica!

© riproduzione riservata


link dell'articolo