Coppa Marche: il Montefano di Mastronunzio non passa il turno

L’atteso duello Vipera - Anconitana rimandato al campionato

Ancona, 10 settembre 2019 – Non ci sarà ai quarti di finale di Coppa quella che qualcuno avrebbe potuto definire attesissima sfida tra l’Anconitana e il Montefano di Salvatore Mastronunzio, come il tabellone aveva prospettato grazie alla sua composizione basata su criteri di vicinanza geografica.

Ancona – L’esultanza di capitan Mastronunzio nella scorsa stagione con la maglia dell’Anconitana. Quest’anno, la sua cessione al Montefano ha fatto molto discutere i tifosi dorici (foto d’archivio di Max Serenelli)

La Vipera, nonostante la doppietta personale che ha cancellato con i fatti il dubbio di essere o meno all’altezza di questa categoria, non è riuscito a trascinare i viola del Montefano a giocarsi il passaggio in semifinale (andata a casa del Valdichienti Ponte 1-1; ritorno 2-2).

I dorici, dunque, nei quarti affronteranno il Valdichienti, andata il 25 settembre, ritorno il 16 ottobre, ore 15.30. Il sorteggio stabilirà chi giocherà per primo in casa.

Ecco il quadro completo dei risultati degli ottavi

Urbania – Azzurra Gallo  0-1 (and. 2-6) qualificata : Azzurra Gallo
Forsempronese – Atletico Alma 2-0 (and 0-2) qualificata Forsempronese
Sassoferrato Genga – Fabriano Cerreto 1-4 (and 1-2) qualificata Fabriano Cerreto
Vigor Senigallia – Marina 3-1 (and 2-1) qualificata Vigor
Anconitana – Castelfidardo 0-0 (and 2-1) qualificata Anconitana
Montefano – Valdichienti Ponte 2-2 (and 1-1) qualificata Valdichienti Ponte
Grottammare – San Marco Servigliano 0-1 (and 1-1) qualificata San Marco Servigliano
Atletico Azzurra Colli – Porto D’Ascoli 0-4 (and 1-0) qualificata Porto D’Ascoli

La vincitrice della Coppa regionale parteciperà alla fase nazionale insieme alle vincitrici delle altre regioni; la vittoria finale darà il diritto a partecipare al prossimo campionato di serie D.
Nota storica: l’ultima compagine marchigiana ad aver vinto la Coppa Italia in Eccellenza è stata la Fermana nella stagione 2011-12.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

“Eurogames” alias Giochi senza frontiere

Debutto questa sera su Canale 5 condotto da Ilary Blasi e Alvin, giudice Jury Chechi


19 settembre 2019 – Si potrebbe definire un ritorno al passato, la riproposizione di un format di sano successo televisivo e non solo o, dal punto di vista degli addetti ai lavori di casa Mediaset, la rincorsa ad ascolti da capogiro. Ascolti che vent’anni fa in Rai toccarono punte anche di 20 milioni di spettatori a puntata. Comunque sia, c’è grande attesa per la prima puntata di questa sera su Canale 5 in prima serata di Eurogames, alias Giochi senza frontiere.

A vent’anni di distanza dall’ultima puntata di Giochi senza frontiere, con lo storico conduttore Ettore Andenna su tutti, questa sera Ilary Blasi e Alvin – con Jury Chechi a fare da giudice – (foto) terranno a battesimo Eurogames: sei puntate di giochi e sfide tra sei nazioni: Spagna, Russia, Grecia, Germania, Polonia e Italia.

Non c’è nessuna differenza tra Giochi senza frontiere ed Eurogames a livello di contenitore. E la curiosità sta nel constatare se oggi l’immaginario collettivo potrà essere catturato da quel tipo di proposta. All’epoca, non c’era ancora l’Europa Unita. Così come non c’era l’euro (era in embrione), e lo spread non fregava a nessuno. La Germania e la Francia non detenevano l’esclusiva delle decisioni in Eurozona, e le nazioni che partecipavano a Giochi senza frontiere si scontravano in un clima gaio di allegra fratellanza piena di aspirazioni future.

Il quadro internazionale è cambiato parecchio in questi ultimi venti anni, certi “rancori” socio-politici allora non esistevano e sarà interessante vedere questa sera come reagirà il pubblico europeo, ma soprattutto quello italiano, alla riproposizione di quei giochi sotto il nuovo nome di Eurogames.

L’unica vera differenza tra i vecchi Giochi ed Eurogames è che le puntate non saranno itineranti (una serata in ogni nazione partecipante), ma andranno in onda tutte da un unico luogo, ovvero Cinecittà World in Italia, all’interno di un’arena che rievoca il Circo Massimo.

Non so voi, ma io stasera sarò lì davanti alla tv a tifare Italia sperando riesca a battere sia la Francia sia la Germania. Reminiscenze calcistiche? È probabile, difficile gestire l’inconscio. Ma, hai visto mai che almeno nei giochi si riesca a prevalere su quel senso di sudditanza che ci accompagna da troppo tempo nei confronti di “quelli”? In allegria, gioia e fratellanza, sia chiaro!


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi