La Giunta Moschella dice no al 5G e sì alla fibra ottica

Con una delibera dato parere negativo alla sperimentazione fino a quando non sarà garantita la sicurezza della nuova tecnologia

Sirolo, 8 agosto 2020 – La Giunta Moschella, mentre c’è chi si gode le meritate ferie estive, è sempre al lavoro per migliorare i servizi all’utenza e tutelare cittadini e turisti. Ultimamente ha approvato la moratoria per la sperimentazione della tecnologia 5G su tutto il territorio comunale, e il monitoraggio ambientale per la tutela della salute pubblica.

La delibera, oltre al parere negativo per la sperimentazione, come previsto dal principio di precauzione sancito dall’Unione Europea, nega l’estensione in tutto il Comune del 5G, fino a quando non sarà garantita la ragionevole completa sicurezza di questa nuova tecnologia, promuovendo, nel contempo, soluzioni sicure e a basso impatto ambientale, a partire dai luoghi maggiormente sensibili per la permanenza continuativa delle persone più a rischio come le scuole, i parchi, i distretti sanitari, gli uffici pubblici.

Il Comune di Sirolo dice sì alla fibra ottica e per il momento rifiuta la sperimantazione della tecnologia 5G

Inoltre, promuove l’istituzione di un tavolo tecnico presso la Regione Marche per monitorare le ripercussioni dei campi elettromagnetici della tecnologia 5G su popolazione ed ecosistema, anche mediante studi degli enti competenti in materia come l’Asur, l’Arpam e il mondo universitario.

La delibera è stata inoltrata anche ai Ministeri dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, della Salute e dello Sviluppo Economico, per i potenziali danni subiti dai cittadini del Comune di Sirolo in caso di introduzione forzata della tecnologia 5G nel territorio comunale.

Sirolo – La Giunta Moschella durante una riunione del Consiglio comunale (foto d’archivio)

Per il sindaco Moschella è un momento storico per Sirolo: «Questa Amministrazione – spiega – per la prima volta, nel campo delle radiofrequenze sta cercando di scongiurare possibili pericoli sanitari nei confronti della collettività e della natura, affermando la necessità di tutelare e salvaguardare la salute umana, così come è previsto dalla Costituzione della Repubblica Italiana».

Nei giorni scorsi, per contro, sempre la Giunta ha detto si all’installazione della cabina di smistamento della fibra ottica, totalmente priva di campi elettromagnetici, con la quale la linea principale della banda ultralarga si potrà diramare nelle linee secondarie che raggiungeranno tutte le case dei sirolesi che ne faranno richiesta. La complessa opera di individuazione del sito, ubicato in un parcheggio decentrato di Via Buenos Aires, è stata seguita per mesi dall’Ufficio Tecnico del Comune che alla fine ha dato l’ok tecnico, seguito dal recente semaforo verde politico.

L’interno di una cabina di smistamento della banda larga (foto esplicativa)

Un pregevole risultato che però non ha soddisfatto appieno l’Amministrazione comunale, che è intervenuta anche alla Regione Marche per anticipare l’attivazione della fibra ottica. In ultimo, grazie all’interessamento dell’assessore Fabrizio Cesetti con delega all’informatica e alle reti, la consegna della rete pubblica della banda ultralarga nel Comune di Sirolo da parte della società Open Fiber che si occupa dell’installazione dei cavi è stata anticipata alla primavera del 2021.

La nuova rete di banda ultralarga permetterà connessioni velocissime e stabili, a differenza di quanto accaduto in passato e nel recente periodo di emergenza, quando sono stati segnalati molteplici malfunzionamenti, giusto in tempo per pubblicizzare il territorio anche nel settore del turismo ecosostenibile di qualità, praticato da viaggiatori sensibili agli ambienti incontaminati sirolesi.

 

redazionale

© riproduzione riservata


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Ancona, il sindaco Mancinelli faccia il sindaco

Levata di scudi in mezza Italia per le disposizioni dell’ultimo Dpcm


Ancona, 19 ottobre 2020 – “Il decreto dispone anche la facoltà per i Sindaci di disporre la chiusura al pubblico dopo le ore 21 di vie o piazze nei centri urbani dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso a negozi aperti e abitazioni”. Recita così il testo dell’ultimo Dpcm 18 ottobre 2020 in vigore da oggi in tutta Italia. Uno dei nove punti con i quali il Governo Conte cerca di dare risposte alla recrudescenza del Covid-19 registrata nel Bel Paese in questi giorni.

Un punto che ha fatto indignare non pochi Sindaci lungo tutto lo Stivale perché, dicono, non spetta loro la decisione di chiudere vie o piazze. Perché, dicono questi esimi primi cittadini, in questo modo il Governo se ne lava le mani e scarica tutta la responsabilità di decisioni pesanti su di loro, vittime inermi della situazione e dell’arroganza del Governo nazionale.

Poverini questi Sindaci, chiamati una volta tanto a prendersi per davvero le proprie responsabilità, a metterci per davvero la faccia nel prendere decisioni reali, pesanti, scomode, di quelle che, per davvero, fanno perdere voti e consensi. Ché, per attuarle, bisogna per davvero tirare fuori i “rognoni” e non guardare in faccia nessuno.

Ma se vuoi fare il sindaco, ti devi prendere le tue responsabilità. Quelle che hai accettato di prendere quando hai indossato la fascia tricolore. Quelle che sono regolamentate dalla Legge da sempre. Quelle che, se te le prendi, fanno davvero la differenza tra un grande sindaco e un sindaco mediocre. Il premier Giuseppe Conte, ieri sera, lo ha ripetuto in modo chiaro: “Ognuno di noi in questa fase deve fare la propria parte”. I cittadini stanno facendo la loro, cari Sindaci, adesso voi fate la vostra!

Invece, ad Ancona il sindaco Valeria Mancinelli (foto) sulla sua pagina social scrive: “Inaccettabile e inapplicabile la norma che scarica sui Comuni la gestione, in realtà, del coprifuoco, senza uomini e senza mezzi. Tutti i Comuni italiani sono in rivolta e chiedono al Governo di cambiarla. Ora.

Ma davvero la Mancinelli (“e tutti i Comuni italiani” come scrive lei, forte d’essere stata appena eletta presidente di Anci Marche), crede che certe norme le debba applicare solo il Governo? Ci arriva o no a capire che Giuseppe Conte non può avere in contemporanea contezza di quanto accade ad Ancona nei quartieri, nelle vie e nelle piazze? O in quelle di Agrigento, di Forlimpopoli, di Settimo Torinese, Vittorio Veneto, Frosinone, Bordighera, San Martino Buon Albergo, Montepulciano, Cosenza, Vieste e vattelapesca, solo per citare una decina di Comuni sui circa ottomila che insistono sul territorio nazionale?.

Solo il Sindaco, grazie alla Polizia municipale ai Carabinieri e agli operatori sanitari, può avere il polso della situazione; conoscere come si stanno muovendo i propri concittadini, quali sono le zone a rischio della sua città, e di conseguenza sapere dove intervenire per arginare o dove non intervenire perché non ci sono assembramenti. Chi altri? Un Sindaco questo potere ce l’ha, e deve avere il coraggio e trovare i mezzi per esercitarlo.

Se un Sindaco non è in grado di fare ciò, forse deve trovare il coraggio di guardarsi allo specchio e di domandarsi se è davvero in grado di fare il sindaco. Ma con la s minuscola, stavolta.

© riproduzione riservata

 


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi